Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Redazionale|Branchinotto: tutto quello che c’è da sapere sul cocktail dissetante targato Fernet-Branca

Agronews

Redazionale|Branchinotto: tutto quello che c’è da sapere sul cocktail dissetante targato Fernet-Branca

Se c’è una caratteristica per cui l’amaro Fernet Branca, prodotto sin dal 1845 dalla famiglia Branca di Milano, è noto, questa è sicuramente la sua versatilità. Il gusto è una garanzia, così come la qualità degli ingredienti impiegati per la sua produzione, ma quello che continua realmente a stupire è la sua capacità di combinarsi e fondersi con altri ingredienti per dare vita a drink dalle note uniche e sorprendenti.

È quello che succede, ad esempio, quando si uniscono le proprietà di una bevanda fresca e dissetante come il Chinotto e il gusto unico di un amaro come il Fernet-Branca con le sue 27 erbe, radici e spezie provenienti dai quattro continenti: non si può che ottenere un Cocktail sensazionale.

Stiamo parlando del Branchinotto, una ricetta semplice e fresca che si avvale del gusto acidolo e amaro del chinotto, prezioso agrume dal sapore intenso e apprezzato in molte preparazioni, per esaltare ulteriormente le molteplici qualità dell’amaro più amato al mondo.

Come già noto, infatti, il Fernet-Branca ben si presta, per le sue caratteristiche, ad essere impiegato in cocktail e long drink di diverso tipo, tutti ugualmente sorprendenti. Il Branchinotto ne è un esempio. La ricetta è davvero semplice in quanto richiede solo pochi ingredienti:

• 8 cubetti di ghiaccio;
• 5 cl Fernet-Branca;
• 10 cl Chinotto.

Per la sua preparazione basta versare in un Tumbler alto il Fernet-Branca, riempire con ghiaccio e colmare con il chinotto: una fetta di arancia per decorare e il gioco è fatto!


Se tanto fortunata è l’unione tra il Fernet-Branca e il chinotto, non meno nota e diffusa è quella con la coca-cola, che in Argentina ha conosciuto un successo davvero straordinario: ma sintetizzare a pochi esempi sarebbe davvero riduttivo. L’amaro di Milano si incontra e sposa perfettamente anche con whisky canadese e angostura per realizzare il noto Toronto cocktail e in generale è in grado di creare così tanti incontri di successo da risvegliare la fantasia dei mixologist, che con un amaro così versatile riescono a creare sempre nuove esperienze di gusto in grado di unire generazioni e soddisfare i palati più esigenti.

Del resto, chi conosce già la famiglia Branca di Milano sa che innovazione è la parola d’ordine: la capacità di non fermarsi mai sul successo di un prodotto che da centinaia di anni continua ad essere tra i più amati al mondo, ma sperimentare sempre per far sì che questo successo diventi sempre più solido e che il Fernet Branca possa attraversare non solo gli anni, ma scriverne la storia.

Redazionale

in data:28/07/2022

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno