Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Trend & Mercati » A "Taste of Rome" il progetto Olilà

Trend & Mercati

A "Taste of Rome" il progetto Olilà

Imprime un ritmo diverso al gusto dei piatti preparati. E’ l’olio extra vergine di oliva di alta qualità del Lazio, quello targato Unaprol che riunisce nel progetto Olilà i migliori oli Dop e Bio della regione.  L’eccellenza va in scena nei giardini dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 20 al 21 settembre prossimi attraverso una squadra fatta di eccellenze che presenta alla ristorazione, alla distribuzione e ai consumatori una panoramica dei diversi sapori e profumi degli oli extra vergini di oliva del Lazio e del loro impiego diretto in cucina. Questa squadra di produttori eccellenti si avvarrà anche quest’anno della collaborazione dello chef Mauro Secondi – anima del pastificio di famiglia – che permetterà di abbinare gli oli di Olilà ad altri prodotti del territorio laziale a cominciare dalle paste fresche artigianali, passando per i salumi e i formaggi fino ad arrivare ai pani tradizionali ed ai legumi.

Otto aziende e cooperative di alta qualità saranno il tessuto connettivo dell’edizione 2014. Si tratta delle aziende: Francesco Saverio Biancheri – Priverno (Lt); Cà Ollaria di Luigi Boccalari – Ponzano Romano (Rm); Alfredo Cetrone – Sonnino (Lt); Il Cervo Rampante di Camillo Gurgo di Castelmenardo – Castelnuovo di Farfa (Ri); Paola Orsini – Priverno (Lt); Frantoio Tomei di Claudio Tomei – Maenza (Lt); Cooperativa olivicola di Canino – Canino (Vt) e Oleificio sociale cooperativo agricolo di Tuscania – Tuscania (Vt). Gli oli extra vergine di queste aziende si sposeranno con la tradizione culinaria capitolina attraverso dei flash–mob ai fornelli con il contributo di chef e ristoratori diversi. Nel Lazio, l’olivicoltura riveste un’importanza particolare per oltre il 60% delle imprese agricole presenti.

La rassegna Taste, che ha sposato da ormai diversi anni il progetto di promozione degli oli extra vergine del Lazio denominato OLILÀ, sta creando occasioni di incontro tra il mondo della produzione e la ristorazione. Grazie a questa collaborazione Taste sta diventando un momento di sapere dei sapori dell’olio agevolando, tra i consumatori più esigenti, la conoscenza delle proprietà salutistiche e nutrizionali del prodotto simbolo della dieta mediterranea.

in data:17/09/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno