Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Notizia di primo piano

Food Mania

Gelato: sette consumatori su dieci preferiscono il cono alla coppetta

pubblicata alle ore:18:42

Tra cono gelato e coppetta vince il primo, con quasi sette consumatori su dieci che lo preferiscono, mentre la seconda viene scelta dal 31,1% del campione. Il 59% di chi opta per il cono e il 53% degli "affezionati" alla coppetta sceglie formati di media grandezza. Emerge dall'indagine "Il ruolo del gelato nel vissuto degli italiani" a cura dell'Ufficio Studi Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi in occasione di Sigep Salone Internazionale della Gelateria, Pasticceria, Panificazione artigianali e Caffè. Commenti (0): Gelato: sette consumatori su dieci preferiscono il cono alla coppetta

le notizie di primo piano e la nostre rubriche

Agronews

Big Mac, persa da McDonald's la titolarità del nome

pubblicata alle ore:16:16

Vinta dalla catena irlandese di fast food Supermac una battaglia legale dell'Unione europea contro il gigante globale McDonald's sull'uso dei marchi Big Mac e Mc. In sostanza Mcdonald aveva provato a bloccare la catena irlandese che stava cercando di espandersi in Inghilterra e in Europa sostenendo che il marchio "supermac" era troppo simile a "Big Mac" ma la sentenza europea ha dato torto al gigante americano. Supermac ha chiesto all'ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (Euipo) di annullare l'uso dei marchi da parte di McDonald's in determinati campi. L'Euipo ha dichiarato che McDonald's non ha provato l'uso effettivo del marchio controverso come hamburger o come nome di un ristorante. Commenti (0): Big Mac, persa da McDonald's la titolarità del nome

Agronews

Pranzi e cene fuori casa. Gli italiani non badano a spese. Nel 2018 il conto è di 85 miliardi

pubblicata alle ore:19:26

E’ record nel 2018 per la spesa in pranzi e cene fuori casa che sale al massimo storico di 85 miliardi di euro, pari al 35% del totale dei consumi alimentari degli italiani. E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti divulgata in occasione della firma a Roma dello storico accordo con la Federazione Italiana Cuochi (Fic), sottoscritto dai presidenti Ettore Prandini e Rocco Pozzulo, che prevede una serie di iniziative congiunte per la promozione dei prodotti alimentari e della cucina 100% Made in Italy. Commenti (0): Pranzi e cene fuori casa. Gli italiani non badano a spese. Nel 2018 il conto è di 85 miliardi

Agronews

Da New York a Tokyo: dieci tappe mondiali in onore del maestro Marchesi

pubblicata alle ore:09:29

Un tour di dieci tappe mondiali in onore del maestro della cucina italiana Gualtiero Marchesi con inaugurazione il 12 novembre a Chicago. A proporre l'iniziativa "Gualtiero Marchesi e la Grande Cucina Italiana World Tour" è la Fondazione Gualtiero Marchesi con l'obiettivo e "l'intento non solo- spiega una nota- di celebrare il cuoco che ha elevato un onorevole mestiere artigiano alla dignità di arte, in un dialogo costante con la musica, le arti figurative, il design, la moda, ma segnare un punto di partenza per una riflessione e un dialogo costanti sulla formazione, la ricerca e la conoscenza in ambito alimentare". L'evento, sostenuto e promosso in collaborazione con l'Agenzia nazionale del turismo (Enit) in coincidenza con l'inizio della terza edizione della "settimana della cucina italiana nel mondo" Commenti (0): Da New York a Tokyo: dieci tappe mondiali in onore del maestro Marchesi

Agronews

Cerea, Alajmo e Cannavacciuolo gli chef più ricchi in Italia

pubblicata alle ore:10:00

Sono i Cerea, gli Alajmo e Cannavacciuolo a guidare la classifica degli chef più ricchi in Italia. A stilare la classifica è Pambianco Strategie di Impresa. La ricerca ha evidenziato come complessivamente le 10 società di proprietà di chef stellati che hanno conquistato il vertice della classifica nel 2017 hanno incassato nel loro complesso poco meno di 73 milioni di euro mettendo a segno una crescita media superiore al 10%. Il dato, inoltre, è destinato a migliorare ulteriormente nel 2018 grazie alle nuove attività avviate dalla maggior parte di questi gruppi o al rafforzamento delle attività esistenti. Commenti (0): Cerea, Alajmo e Cannavacciuolo gli chef più ricchi in Italia

Agronews

Settimana della Cucina italiana nel mondo: oltre 1.300 eventi in 110 Paesi

pubblicata alle ore:15:41

Sono più di 1.300 le attività e gli eventi previsti dal 19 al 25 novembre in 110 Paesi, quasi 300 sedi diplomatico-consolari e negli istituti di cultura italiani in tutto il mondo. Questi i numeri della Terza edizione della settimana della Cucina italiana nel mondo presentata alle Officine Farneto a Roma. L'appuntamento annuale dedicato alla promozione delle eccellenze enogastronomiche italiane nel mondo. Conferenze, degustazioni, cene di gala, corsi di Cucina, concerti e mostre animeranno le attività organizzate dalla rete diplomatica in collaborazione con Camere di commercio, università, accademie e scuole di Cucina, associazioni di categoria, reti dei ristoranti italiani certificati, per far conoscere al mondo il meglio della nostra tradizione culinaria Commenti (0): Settimana della Cucina italiana nel mondo: oltre 1.300 eventi in 110 Paesi

Agronews

Michelin, Uliassi entra nell'olimpo dei Tre Stelle

pubblicata alle ore:12:45

Passano da nove a dieci le Tre Stelle Michelin in Italia. La new entry è lo chef Mauro Uliassi (Uliassi Ristorante- Cucina di Mare, Senigallia-Ancona). Il nuovo ingresso nell’olimpo dei cuochi stellati è stato annunciato oggi a Parma con la presentazione della “Rossa” guida Michelin, edizione 2019. Tutti confermati i Tre Stelle dell'edizione 2018. L'Italia si conferma Paese più premiato dopo la Francia. In Italia ci sono 367 ristoranti stellati: 10 con tre stelle, 39 con due stelle, 318 hanno una stella Commenti (0): Michelin, Uliassi entra nell'olimpo dei Tre Stelle

Food Mania

Pizza e cibo take-away non mancano in Italia. Lungo la penisola presenti 40mila imprese

pubblicata alle ore:11:14

Vanno forte pizza e il cibo take-away in Italia. Secondo elaborazioni Unioncamere-Infocamere su dati del Registro delle imprese italiane tra il 30 giugno 2013 e il 30 giugno 2018 sono quarantamila le imprese quasi 6mila in più in soli cinque anni, per una crescita che sfiora il 17%. A livello regionale è la Lombardia a registrare il numero più alto in Italia di pizzerie a taglio e take-away (6.176), seguita dal Lazio (4.164) e dall’Emilia-Romagna (3.902). Ma in termini relativi, nell’ultimo quinquennio è stato il Trentino Alto Adige ad aver messo a segno la crescita più marcata (+27%), seguito dalla Sicilia (+24%) e dalla Lombardia (+22%). Commenti (0): Pizza e cibo take-away non mancano in Italia. Lungo la penisola presenti 40mila imprese

Food Mania

Il "ricordo di pasta" risale a prima degli 8 anni

pubblicata alle ore:20:02

La pasta lascia la sua traccia indelebile nel nostro imprinting gustativo e nell'ippocampo (la "centralina" dei ricordi) già in tenerissima età. Non solo per 9 italiani su 10 (88%), il primo "ricordo di pasta" risale a prima degli 8 anni. Ma il 46% lo colloca addirittura a prima dei 4 anni, proprio nel periodo in cui comincia a svilupparsi la memoria permanente. Lo rivela una ricerca realizzata da Doxa per Aidepi, l'Associazione delle Industrie del Dolce e della pasta Italiane, condotta su un campione rappresentativo di 1.000 italiani di età superiore ai 15 anni. Diversi studi scientifici mostrano infatti come, a causa della cosiddetta "amnesia infantile", ricordiamo poco o nulla di ciò che ci è successo prima dei tre anni e mezzo di vita. Un crollo della memoria che la neuroscienza colloca tra i 6 e gli 8 anni, quando lo sviluppo del cervello "cancella" i vecchi ricordi per far posto ad altri. Commenti (0): Il "ricordo di pasta" risale a prima degli 8 anni

Food Mania

Gli italiani e i ristoranti: il 94 per cento ha manie e fissazioni

pubblicata alle ore:15:05

Svelate da un’indagine Doxa* per conto di Groupon il comportamento degli italiani al ristorante. In una nota si legge che il 94% dei nostri connazionali dichiara di avere manie e fissazioni al ristorante, mentre per il futuro ci si aspetta che i ristoranti siano sempre più “smartizzati”: il 26% auspica menù personalizzabili, mentre – forse per fortuna- si precisa- – siamo ancora lontani dai camerieri robot (1%). Dall’analisi emerge inoltre che in media si esce a pranzo o cena 6 volte al mese, un trend in crescita che vede solo un 16% dichiarare di farlo una sola volta al mese. In generale, anche se i nostri connazionali non possono rinunciare al buon cibo, ci sono anche particolari sensazioni e valori che associano all’uscire a mangiare Commenti (0): Gli italiani e i ristoranti: il 94 per cento ha manie e fissazioni

Agronews

Aumentano i Paesi dove si mangia pasta italiana: oltre 200 scelgono il prodotto tricolore

pubblicata alle ore:18:13

La pasta è sempre più simbolo del made in Italy più apprezzato all'estero: oltre metà della nostra pasta, il 56%, finisce infatti oltreconfine. Praticamente il 100% dei nostri pastifici destina una quota della sua produzione ai mercati esteri, contro una media del 10% del totale delle aziende agroalimentari, e infatti il peso delle esportazioni sul fatturato del comparto è il doppio rispetto alla media di settore del food italiano. Inoltre rispetto a 25 anni fa il mondo mangia sempre più pasta italiana: sono aumentati i Paesi destinatari (oggi quasi 200, +34%) ed è più che raddoppiata la quota export, da 740mila a oltre 2 milioni di tonnellate. E oggi la pasta è l`unico alimento nella Top 10 dei prodotti per i quali l`Italia detiene la prima posizione al mondo per saldo commerciale. E' quanto risulta da una recente analisi svolta da Aidepi. Secondo le elaborazioni dell'Associazione delle Industrie del Dolce e della pasta Italiane su dati Istat, l`Europa è il mercato più rilevante per la pasta tricolore, tanto che circa 3 piatti di pasta su 4 consumati nel Vecchio Continente provengono da un pastificio italiano. Commenti (0): Aumentano i Paesi dove si mangia pasta italiana: oltre 200 scelgono il prodotto tricolore

Agronews

La Cina nel mirino di Eataly

pubblicata alle ore:15:43

Si stringono i tempi in casa Farinetti per portare Eataly in Cina. Ad annunciare che il passo è prossimo è stato il presidente esecutivo Andrea Guerra durante la presentazione a Milano del primo bilancio consolidato dell'azienda fondata dall’imprenditore di Alba-. Entro l'estate- ha detto Guerra.- Eataly definirà il partner con cui sbarcare in Cina. "Sulla Cina abbiamo lavorato tanto perchè è evidente che è un mercato gigantesco ma molto diverso. Pensiamo di poter chiudere entro l'estate la decisione sul nostro partner in Cina", ha detto Guerra. "C'è un interesse incredibile da parte degli operatori cinesi e il primo motivo è Fico - ha spiegato ancora Guerra . “Parliamo – ha detto ancora- con diversi operatori che potrebbero investire nella joint venture o nella holding, entrambe le possibilità sono aperte . In questa fase è in corso il dialogo con diversi operatori, stiamo dialogando con i primi 2-3 operatori digitali cinesi", ma con tutta probabilità "sarà un investitore industriale" Commenti (0): La Cina nel mirino di Eataly

Agronews

Made in Italy, ecco la top list dei prodotti più venduti al mondo

pubblicata alle ore:09:41

Cioccolato e caffè sono tra i prodotti italiani più venduti e richiesti al mondo. A certificarlo è la ricerca “L’agroalimentare italiano nel mondo”, realizzata dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi con Promos, azienda speciale della Camera di commercio per le Attività Internazionali. Il “made in Italy” nel mondo vale 40,2 miliardi di euro all’anno e cresce del 5,5%. I ricercatori registrano che Cioccolato, tè, caffè, spezie e piatti pronti con 6,7 miliardi di euro (+8,6%) sino al primo posto negli acquisti, seguiti dai vini con 6 miliardi circa (+6,4%), vengono poi pane, pasta e farinacei con 3,7 miliardi di euro (+4,2%) ma anche prodotti non lavorati da colture permanenti (tra cui uva, agrumi) con 3,5 miliardi (+4,2%), frutta e ortaggi lavorati e conservati con 3,4 miliardi di euro (+0,9%). Gli aumenti più consistenti si registrano per pane e prodotti di pasticceria con 714 milioni (+10,8%), prodotti lattiero-caseari che superano i 3,2 miliardi (+10,4%), acque minerali con 983 milioni (+9,7%), prodotti per l’alimentazione degli animali con 681 milioni (+9,3%). Commenti (0): Made in Italy, ecco la top list dei prodotti più venduti al mondo

Alcune nostre rubriche, banner e il giornale online

Mipaaft

Riso italiano, adottata la clausola di salvaguardia

Adottata la clausola di salvaguardia a tutela della filiera del riso e oggi, 17 gennaio, sarà ufficialmente pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

Unione Europea

Corte Ue, piante create con mutagenesi sono Ogm

Gli organismi, in genere vegetali, creati attraverso la mutagenesi, una tecnica di modificazione genetica che non prevede l'inserimento di Dna estraneo, sono Organismi Geneticamente Modificati (Ogm) e quindi,

Il Prodotto

Vino, bilancio record per la Doc Sicilia

L'exploit di Grillo e Nero d'Avola e le ottime performance di tutti gli altri vitigni dell'Isola: il 2018 si e' chiuso con un bilancio da record per il Consorzio di tutela vini Doc Sicilia, che ha raggiunto al 31 dicembre la quota di 80 milioni di bottigl

La Novità di Mercato

“Lampade da scrivere Nutella”, al via nuova campagna promozionale Ferrero

Nutella lancia una nuova promozione che permette di vincere ogni giorno 100 “Lampade da scrivere Nutella” (conosciute da molti con il nome “lightbox”) da personalizzare con le 172 lettere a disposizione e una serie di vasetti in limited edition con frasi

Regioni

Veneto, 9,2 mln di contributi a chi investe nella viticoltura di qualità

Da sabato 19 gennaio saranno aperti i termini per la presentazione di domande di contributo per investimenti effettuati da imprese agricole e agroindustriali che operano nel settore vitivinicolo

Salute e Alimentazione

Mangiare meno carne rossa può ridurre la mortalità

Mangiare meno carne rossa può ridurre del 5% la mortalità prevenibile collegata all'alimentazione nei Paesi più ricchi, dato che scende al 2,4% nel resto del mondo

Trend & Mercati

Stabili in dicembre i prezzi internazionali delle materie prime alimentari

A dicembre i prezzi alimentari globali si sono mantenuti sostanzialmente stabili, con l'aumento dei prezzi internazionali dei cereali che ha compensato il calo delle quotazioni di zucchero e prodotti lattiero-caseari,

Ricerca Agricola

Cibo, dalla crusca un antiossidante che non lo fa andare a male

Un antiossidante naturale che si trova nella crusca di grano potrebbe aiutare a preservare il cibo più a lungo e a sostituire le sostanze sintetiche attualmente utilizzate dall'industria alimentare.

Organizzazioni Agricole

Federalimentare. il nuovo presidente è Ivano Vacondio

Ivano Vacondio, past President di Italmopa (Associazione Industriali Mugnai d’Italia) sarà a capo di Federalimentare per il prossimo quadriennio

Aziende

Riapre Melegatti. Nuovo ciclo con 35 dipendenti

Riapre lo stabilimento dolciario Melegatti. La produzione riparte con 35 dipendenti a tempo indeterminato, per lo piu' ex lavoratori dello storico brand, ai quali seguiranno nei prossimi mesi ulteriori assunzioni.

Top&Flop

Conad, Francesco Avanzini è il nuovo direttore generale

Francesco Avanzini è il nuovo direttore generale del gruppo Conad, carica ricoperta per 14 anni da Francesco Pugliese, che mantiene quella di amministratore delegato.

Grande Distribuzione

"Scoiattolo" porta nelle cucine degli italiani i ravioli orientali

Coniugano il made in Italy alla passione per la cucina orientale: a farlo sono i ravioli freschi orientali dell’azienda di Varese “Scoiattolo”. Da giugno scorso sono infatti disponibili sugli scaffali di Esselunga i ravioli all’Anatra, all’Arancia e quel

iFood. A tavola con un touch

Breasy, la nuova app di pagamento per acquistare il caffè via smartphone

Arriva l’ app di pagamento che consente di acquistare il caffè tramite smartphone. L’applicazione è Breasy e i consumatori tramite un collegamento Bluetooth, potranno connettere il proprio device ad un distributore automatico

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo

AgroSpeciali