Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Di che Dop&Igp sei ? » Aceto Balsamico di Modena Igp

Di che Dop&Igp sei ?

Aceto Balsamico di Modena Igp

L’Aceto Balsamico di Modena è riconosciuto come uno fra i più apprezzati prodotti agroalimentari tipici italiani. Il suo grande successo sui mercati internazionali e la diffusione del suo consumo hanno convinto gli operatori del settore a richiederne il riconoscimento come IGP. L’iter è stato tra i più travagliati nella storia delle Indicazioni Geografiche europee. La prima richiesta di registrazione risale infatti al 1996, e soltanto oggi – dopo 13 anni - sembra si stia per arrivare al termine della procedura.

Zona di produzione
Province di Modena e Reggio Emilia

Numero aziende: 62.La maggior parte delle aziende hanno dimensioni artigianali o semi-artigianali. Una ventina di esse ha sviluppato strutture produttive di un certo rilievo e, quindi, una migliore capacità di proporsi con successo sui mercati esteri;

Volumi produttivi
la produzione dell’Aceto Balsamico di Modena ha mostrato una crescita a due cifre dei volumi per circa un ventennio. Si stima che oggi (2008) la produzione sia di circa 100 milioni di litri, con un incremento del 7% rispetto all’anno precedente. (Per un confronto: si noti che, nel 2000, la produzione europea di aceto di vino era attestata su 146 milioni di litri, prodotti da un totale di 126 acetifici, e che la produzione di aceto di vino non ha mostrato, al contrario dell’Aceto Balsamico di Modena, fluttuazioni rilevanti- fonte CPIV);

Valore di mercato
si stima che il valore di mercato dell’ABM si aggiri (2008) intorno ai 290 milioni di euro. Nel 2004, rispetto al 2002, Nomisma aveva calcolato che, con un turnover di 200 Mln euro, l’Aceto Balsamico di Modena si sarebbe collocato al 10° posto per valore di mercato tra tutti i prodotti del paniere DOP/IGP Italiano, a ridosso della Bresaola della Valtellina;

Canali e prezzo al pubblico
Il prodotto è veicolato tipicamente sugli scaffali della Grande Distribuzione, ma anche attraverso il canale della ristorazione, poiché l’Aceto Balsamico di Modena é utilizzato dagli chef di tutto il mondo per condire e preparare numerose pietanze. Per quanto riguarda il prezzo al pubblico, esso può variare, in base alla qualità, all’invecchiamento e al confezionamento, dai tre ai 60 euro al litro. Esiste quindi una grande differenza rispetto all’Aceto Balsamico Tradizionale, prodotto a Modena e Reggio Emilia e che è già stato riconosciuto come DOP. Per le sue caratteristiche superiori, questo prodotto è venduto ad un prezzo variabile dai 500 a 1500 Euro al litro;

Export
l’Aceto Balsamico di Modena è fra i prodotti più facilmente esportabili nell’ambito dell’agroalimentare italiano. Sul volume totale prodotto, la percentuale esportata supera l’ 80% e raggiunge oltre 80 Paesi (E proprio per questa ragione si assiste ai tentativi di alcuni Paesi di legalizzarne copie e imitazioni). I principali mercati di destinazione sono, per volumi di consumo, USA, Germania, Francia, UK, Australia, ma, nonostante le dimensioni dei mercati di riferimento siano ridotte, il consumo pro capite in Danimarca, Austria e Svizzera raggiunge livelli elevatissimi;

Strutture consortili
esistono tre differenti associazioni di produttori che si occupano della promozione e tutela del prodotto, nate in periodi differenti: Consorzio Aceto Balsamico di Modena (CABM); Consorzio Produzione Certificata Aceto Balsamico Modenese (CPC ABM); Comitato Produttori Indipendenti Aceto Balsamico di Modena (CPI ABM);

I tre Consorzi raggruppano la quasi totalità dei produttori e, insieme, hanno sottoscritto la domanda di registrazione IGP per il prodotto;

Certificazioni
dal 2000, il CABM ha imposto ai propri associati la certificazione del prodotto, sulla base di quello che poi, a conclusione dell’iter di riconoscimento della IGP, diverrebbe il disciplinare produttivo di riferimento dell’Aceto Balsamico di Modena. Richiesta analoga è stata fatta CPCABM. Oggi, quindi, la maggior parte delle aziende del settore opera in regime di certificazione ed è pronta a ricevere i controlli richiesti per i prodotti IGP, forte della certezza di avere sempre offerto ai consumatori italiani e stranieri un Aceto sicuro e di qualità garantita, oltre che di eccezionale storia e tradizione.

in data:05/05/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion