Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Organizzazioni Agricole » Ad Unaprol il Cibus international export award 2010

Organizzazioni Agricole

Ad Unaprol il Cibus international export award 2010

Cibus international export award 2010 ad Unaprol. L’ambito riconoscimento internazionale riservato alla categoria “progetti collettivi” è stato assegnato quest’anno al consorzio olivicolo italiano per aver lanciato sul mercato mondiale il marchio I.O.O.% alta qualità italiana per l’olio extra vergine di oliva 100% italiano.


La giuria di esperti internazionali della GdO composta da Delhaize (Belgio), Tegut (Germania), Carrefour (Spagna), Axfood (Svezia), Meyer (Usa), Monoprix (Francia), ha valutato l’assegnazione di questo riconoscimento e di altri premi tra 75 candidature di aziende che promuovono il made in Italy all’estero.


“Un gesto coraggioso da parte di Cibus, che viene considerata una tra le fiere di riferimento più importanti della GDO italiana ed internazionale, perché premia gli sforzi del primo consorzio di filiera tutta agricola e italiana – ha riferito Massimo Gargano, presidente di Unaprol”.


Il marchio I.O.O.% certifica l’alta qualità italiana dell’olio extra vergine di oliva di esclusiva origine italiana delle 469 filiere e di tutte le aziende olivicole sottoposte al programma di tracciabilità dell’Unaprol. La tutela controllata della qualità garantita dal marchio I.O.O.% fa sì che vengano immessi sul mercato nazionale ed internazionale prodotti garantiti sul piano dell’origine certa dei prodotti alimentari per un consumatore sempre più attento ed esigente.


“Questo premio maturato nell’ambito di Cibus, che notoriamente è la fiera riconducibile all’industria di marca di qualità italiana verso un progetto che ha solide ed esclusive basi agricole, potrebbe – ha poi aggiunto Massimo Gargano - creare le condizioni per un nuovo e diverso dialogo che contempli la difesa dell’origine certa di tutti i prodotti agricoli come elemento di distinzione contro l’abuso dilagante dell’italian sounding agroalimentare nel mondo”.

in data:06/07/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno