Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Trend & Mercati » Anicav, produzione di pomodoro in calo del 15%

Trend & Mercati

Anicav, produzione di pomodoro in calo del 15%

Secondo l’Anicav la campagna si chiuderà con una riduzione delle produzioni, a livello nazionale, di circa il 15% rispetto al 2017. Al calo degli investimenti in ettari - 60.500 gli ettari complessivamente investiti a pomodoro da industria in Italia, con una riduzione del 6% rispetto al 2017 – si sono aggiunte le avversità climatiche che, da metà agosto hanno interessato l’intero territorio nazionale incidendo in maniera significativa sulla resa agricola. Particolari criticità si sono registrate nel Bacino Centro Sud dove si è avuta la peggiore campagna degli ultimi 10 anni. Alle minori rese agricole è, infatti, corrisposto un significativo peggioramento delle rese industriali al fine di poter garantire gli standard qualitativi. Una situazione che porterà ad una minore produzione industriale di oltre il 20% rispetto allo scorso anno.

L’Industria di trasformazione, inoltre, ha dovuto fare i conti con un incremento dei costi di produzione, in particolare di quello del pomodoro fresco, avendo sostenuto gli agricoltori valorizzando in maniera evidente il prodotto in campo, andando ben oltre gli 87€/ton per il pomodoro tondo e i 97€/ton per il lungo previsti dai contratti  Resta l’esigenza prioritaria di assicurare un’attenta programmazione ed una condivisa pianificazione e una puntuale attività di monitoraggio che non sia solo appannaggio dell’industria ma che coinvolga tutte le parti della filiera.

Per questo- si legge in una nota-  sarà indispensabile avviare una seria interlocuzione tra i diversi attori attraverso la definizione e la valorizzazione di una governance interprofessionale del pomodoro da industria che, oltre a favorire il processo d’integrazione di filiera valorizzando il prodotto, dovrà garantire il rispetto delle regole e degli accordi raggiunti.  Dopo l’avvenuto riconoscimento ministeriale dell’Oi Pomodoro del Nord nel maggio 2017, la costituzione di un’Organizzazione Interprofessionale anche per il Bacino Centro Sud – la cui istanza di accreditamento, presentata a dicembre 2017, è stata positivamente istruita dal Mipaaf e dovrà essere approvata dalla Conferenza Stato Regioni nei prossimi giorni - andrebbe a completare il quadro dell’interprofessione del pomodoro da industria in Italia. A tal fine sarà necessario prevedere un coordinamento nazionale tra le due OI per dare univocità al comparto.

 

in data:24/09/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo