Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Organizzazioni Agricole » Aumentato del 33% il valore della produzione delle cantine vitivinicole di Fedagri

Organizzazioni Agricole

Aumentato del 33% il valore della produzione delle cantine vitivinicole di Fedagri

Negli ultimi dieci anni, il valore della produzione delle cantine vitivinicole di Fedagri è aumentato del 33%, gli occupati sono cresciuti del 9%, mentre è calato dell’11% il numero delle cooperative, per effetto di un processo di riorganizzazione contraddistinto da operazioni di fusione e aggregazione. Solo negli ultimi quattro anni, infatti, 81 cooperative hanno portato a termine progetti di fusione.

Sono questi alcuni dei primi dati sulla cooperazione vitivinicola di Fedagri-Confcooperative resi noti dall’indagine realizzata in collaborazione con Elabora – Area Studi di Confcooperative e diffusi oggi in occasione dell’Assemblea nazionale del Settore Vitivinicolo in corso di svolgimento a Barolo (Cuneo).

L’indagine ha inoltre evidenziato il forte legame delle imprese cooperative con il territorio e la materia prima italiana. Il livello medio di mutualità prevalente (ovvero il vincolo di impiegare nella produzione materia prima proveniente dai soci) si attesta all’85,7% ma più di una cantina su due (50,5%) supera il 90% di materia prima proveniente dai soci.

Il fatturato generato dall’export ha raggiunto quota 1,3 miliardi di euro, con un incremento del 18% rispetto al 2009, “a dimostrazione – afferma Antonello Ciambriello, del settore vitivinicolo di Fedagri – che si può essere grandi ed efficienti e raggiungere mercati stranieri mantenendo un saldo radicamento sul territorio”.

“Le cantine che risentono meno della debolezza dei consumi nazionali e che riescono a mantenere buoni livelli di competitività sono in particolare le grandi e medie cooperative – spiega il presidente del Settore Vitivinicolo di Fedagri Adriano Orsi – che registrano la percentuale più alta di investimenti realizzati (+26,5%, con punte del 32,4% nelle grandi)”.

Da segnalare inoltre l’aumento dell’occupazione del 9% in 10 anni e l’alta percentuale di occupati nelle cantine che hanno un contratto a tempo indeterminato (69,4%) e a tempo determinato (28,7%). “Se a questo quadro aggiungiamo che il 7,5% degli addetti nelle cooperative vitivinicole aderenti a Fedagri sono anche soci produttori – conclude Orsi – è evidente come in un momento storico-economico di particolare fragilità dei settori produttivi dal punto di vista occupazionale, il comparto vitivinicolo cooperativo stia riuscendo a mantenere saldo il timone”.

in data:26/10/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno