Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Trend & Mercati » Aumento mensile più alto degli ultimi quattro anni per i prezzi alimentari

Trend & Mercati

Aumento mensile più alto degli ultimi quattro anni per i prezzi alimentari

I prezzi dei beni alimentari primari sono cresciuti del 4,2% a giugno, registrando l’ aumento mensile più acuto degli ultimi quattro anni. L’ Indice dei Prezzi Alimentari della Fao , rilasciato oggi, ha avuto una media di 163,4 punti a giugno ed è ora di un punto percentuale al di sotto del livello dell’anno scorso. La crescita registrata a giugno, che ha riguardato tutte le categorie di beni alimentari tranne gli oli vegetali, è stato il quinto aumento mensile consecutivo. L’andamento dei prezzi riflette la revisione delle stime della FAO sull’offerta e la domanda di cereali per la stagione di commercializzazione 2016/2017.

L’Indice Fao dei prezzi dello zucchero è cresciuto del 14,8% da marzo, poiché il Brasile, il maggior produttore ed esportatore mondiale di zucchero, ha registrato forti piogge che hanno ostacolato la mietitura ed intaccato i raccolti.

L’Indice Fao dei prezzi dei cereali è cresciuto del 2,9% in questo mese ed è ora del 3,9% inferiore al livello di giugno 2015. Aumento trainto dal prezzo del mais dovuto principalmente alla riduzione delle esportazioni dal Brasile. Al contrario, le ampie scorte di grano ed i raccolti record registrati negli Stati Uniti hanno tenuto bassi i prezzi del grano.

L’Indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è cresciuto del 7,8% da maggio, trainato dalle previsioni incerte in Oceania e da una più lenta crescita della produzione nell’Unione Europea. Ciononostante, l’indice è rimasto inferiore del 14% rispetto al suo livello dell’anno precedente.

L’Indice Fao dei prezzi della carne è cresciuto del 2,4% dal suo valore rivisto a maggio, poiché i prezzi medi della carne di maiale, di bovino e del pollame sono tutti cresciuti per il terzo mese consecutivo.

L’Indice Fao dei Prezzi degli Oli Vegetali non ha seguito il trend generale, calando dello 0,8% dal suo livello di maggio.

in data:09/07/2016

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”