Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Aziende » Caviro incrementa il fatturato del 13 per cento

Aziende

Caviro incrementa il fatturato del 13 per cento

Crescono i ricavi di Caviro. Il produttore, noto per un vino di largo consumo come il Tavernello, porta a casa nel 2013 320,6 milioni di euro, in deciso incremento rispetto al 2012 (+13%), grazie alla crescita sia della divisione vino che della distilleria. Il risultato, che si inserisce in un contesto di calo generalizzato dei consumi di vino (dai dati della Grande distribuzione emerge che il vino in brik ha registrato un -10,5% rispetto al 2010 mentre il vino in vetro fino a 0,75 l, con un –5,3% rispetto al 2010), è stato reso possibile- si legge in nota- grazie ad una serie di scelte strategiche che hanno visto Caviro affrontare nuove fasce di mercato e dare vita a nuove alleanze in tutti i comparti.

Caviro, che da due anni ha fatto il suo ingresso nel settore dei vini Superpremium grazie all'acquisizione di Dalle Vigne S.p.A. (Toscana) e agli accordi stretti con Gerardo Cesari (Veneto) e Torrevento (Puglia) nel 2014, ha raggiunto nel 2013 un valore della produzione di 337,4 milioni di euro, nuovo record dell'azienda, rispetto ai 302,6 del 2012. «L'ingresso nel settore dei vini Superpremium rappresenta per Caviro la volontà di agire su tutti i tavoli del mercato – sostiene il direttore generale Sergio Dagnino -. Un portafoglio di prodotti completo, dal daily alle più importanti ‘icone' del vino italiano (come Amarone, Chianti, Brunello, Vigna Pedale Castel Del Monte) può beneficiare di importanti sinergie. Aggiungo che l'impegno di Caviro in questo campo riguarderà soprattutto le fasi commerciali e logistiche mentre rimarrà interamente a cura dei nostri partner la fase di produzione e la relazione diretta con il territorio: in altre parole vogliamo coniugare le eccellenze di chi ha una grande organizzazione commerciale con quelle di chi ha un forte e radicato legame con il territorio».

L'Ebitda (Margine Operativo Lordo) registrato da Caviro nel 2013 è stato di 20,3 milioni di euro, rispetto ai 12,2 milioni dell'anno precedente, con un utile netto di quasi 5 milioni di euro, nonostante l'incremento con punte del 50% del costo delle materie prime. Prosegue il rafforzamento patrimoniale con i mezzi propri del Gruppo che raggiungono quota 63 milioni di Euro mentre la Posizione Finanziaria Netta è di 57,8 milioni in calo rispetto ai 72,3 del 2012.
Caviro è anche leader di mercato in Italia per l'alcool industriale e 2° competitor mondiale per l'acido tartarico.

in data:07/05/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno