Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Aziende » Centrale del Latte di Torino: si consolidano i ricavi netti

Aziende

Centrale del Latte di Torino: si consolidano i ricavi netti

Approvato dal Consiglio di Amministrazione della Centrale del Latte di Torino i risultati consolidati al 31 marzo 2011. Nell’ufficializzare i dati la Centrale ha premesso però che una plusvalenza straordinaria di 400 mila Euro e sopravvenienze attive per 250 mila Euro registrate nei primi tre mesi del 2010 condizionano il confronto dei risultati conseguiti nel primo trimestre del 2011 con quelli realizzati nello stesso periodo dell’anno precedente.

Nei primi tre mesi del 2011, la società ha registrato ricavi netti consolidati pari a 26,1 milioni di Euro in aumento del 5,4% rispetto ai 24,7 milioni di Euro registrati al 31/3/2010. Il margine operativo lordo (EBITDA) passa da 2,9 milioni di Euro al 31/3/2010 a 1,9 milioni di Euro al 31/3/2011, il risultato operativo (EBIT) passa da 1,4 milioni di Euro al 31/3/2010 a 438 mila Euro al 31/3/2011 e, infine, l’utile di periodo prima delle imposte sul reddito da 1,2 milioni di Euro registrati al 31/3/2010 passa a 263 mila Euro al 31/3/2011.

Scendendo nell’analisi dei dati, si segnala che in uno scenario ancora non favorevole dal punto di vista dei consumi, nel primo trimestre del 2011 il Gruppo CLT ha incrementato le proprie vendite del 5,4% rispetto ai primi tre mesi del 2010, soprattutto grazie alle nuove produzioni avviate nello stabilimento produttivo di Vicenza.

A livello di marginalità, i risultati del primo trimestre 2011 sono stati influenzati dal forte incremento del costo della materia prima latte, solo parzialmente compensato dagli adeguamenti ai listini di vendita applicati dalla società a partire dal mese di febbraio con la conseguenza che il pieno effetto sarà realizzato nel corso del secondo trimestre.

La posizione finanziaria netta del Gruppo al 31 marzo 2011 è negativa per 28,3 milioni di Euro rispetto al dato negativo di -31 milioni di Euro del 31 dicembre 2010 e al dato negativo di -27,8 milioni di Euro del 31 marzo 2010.

Per quanto riguarda la capogruppo Centrale del Latte di Torino, la società, al 31 marzo 2011, ha registrato ricavi netti pari a 15,5 milioni di Euro in crescita del 4,7% rispetto ai 14,8 milioni di Euro del 31 marzo 2010, il margine operativo lordo (EBITDA) è passato da 2 milioni di Euro al 31/3/2010 a 1,6 milioni di Euro al 31/3/2011; il risultato operativo (EBIT) è stato di 1,1 milioni di Euro rispetto agli 1,5 milioni di Euro del primo trimestre 2010; infine, l’utile di periodo prima delle imposte sul reddito al 31/3/2011 risulta pari a 1 milione di Euro rispetto agli 1,4 milioni di Euro registrati al 31/3/2010.

A livello previsionale, al momento non è ipotizzabile una riduzione del prezzo della materia prima latte ma si attende una conferma degli attuali livelli di prezzo. A questo proposito, la completa applicazione degli aumenti dei listini di vendita potrà contribuire a un recupero delle marginalità. Per quanto riguarda il mercato, il mese di aprile ha dato segnali di ripresa con buoni incrementi delle vendite

in data:12/05/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno