Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Aziende » Conserve Italia, business plan da 150 milioni

Aziende

Conserve Italia, business plan da 150 milioni

Dopo il traguardo dei conti in utili raggiunto alla fine di giugno Conserve Italia punta a una crescita del fatturato con un piano di investimenti da 150 milioni per il triennio 2015-2017. Il business plan del consorzio cooperativo che associa 14mila produttori e trasforma 550mila tonnellate di materie prime (in prevalenza frutta, pomodoro e vegetali) prevede che 95 milioni dello stanziamento siano utilizzati in Italia (40 per attività produttive ed industriali e 55 per azioni di marketing) e 55 milioni per le altre società del gruppo, la Conserves France e la spagnola Juver.


Nello specifico gli interventi del consorzio, che raggruppa 12 stabilimenti produttivi ( 8 in Italia, 3 in Francia e uno in Spagna e che ha inforza 2.000 i dipendenti e marchi di punta quali Valfrutta, Cirio, Yoga e Derby Blue, riguarda sia investimenti materiali e immateriali volti al miglioramento della qualità, all’incremento della produttività e al recupero di margini di efficienza e di redditività, sia azioni di marketing. “Ora che abbiamo ritrovato il nostro equilibrio finanziario –spiega il presidente Maurizio  Gardini - potremo avviare nuove azioni di pubblicità con campagne su radio, stampa, tv e sui social network, con l’obiettivo di esaltare la filiera tutta italiana che è dietro i nostri brand di punta e leader di mercato, da Cirio a Yoga a Valfrutta”.

“Con il piano di investimenti approvato - ha aggiunto il Direttore Generale Angel Sanchez - prevediamo di aumentare il fatturato di 35 milioni di euro in tre anni e di proseguire il trend di riduzione dell'indebitamento di ulteriori 40 milioni di euro. Il bilancio chiuso a fine giugno aveva fatto già registrare un dato molto positivo, con un incremento del 20% dell’Ebidta. Il fatturato di Conserve Italia all’estero è cresciuto di oltre il 10% negli ultimi tre anni. Le vendite del gruppo in Italia pesano oggi per il 57% del totale, rispetto al 64% di 4 anni fa. Nel nuovo business plan punteremo – ha proseguito- quindi ad aggredire ulteriormente i mercati esteri cercando di conquistare nuove quote non solo nei paesi tradizionali, ma anche in America, Australia, Nord Africa e nei paesi asiatici. Ciò ci consentirà- ha concluso- di dare ulteriore valore ai conferimenti di prodotto dei nostri soci, perche la nostra mission resta sempre la stessa, dare valore aggiunto al prodotto e al lavoro dei nostri 14.000 soci agricoli”.

in data:21/10/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Per gli 80 anni di Batman il dolce lungo un metro e mezzo del maître chocolatier Davide Comaschi

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Food delivery, fatturato a 350 milioni di euro nel 2018, + 69%