Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Il Prodotto » E' trevigiano il formaggio aromatizzato più buono d’Italia

Il Prodotto

E' trevigiano il formaggio aromatizzato più buono d’Italia

Il formaggio aromatizzato più buono d’Italia si fa nel Trevigiano. Lo ha deciso la giuria dell’Italian Cheese Awards 2018 che ha assegnato, per il 2° anno consecutivo, alla Latteria Perenzin di San Pietro di Feletto, il primo premio al “Capra al traminer”, unico veneto ad aggiudicarsi il titolo. Il concorso, giunto alla quarta edizione, si è svolto a Fico Eataly World di Bologna, ed è uno degli eventi dedicati al formaggio più importanti in Italia. Il premio Italian Cheese Awards è organizzato dal 2012 da “Guru del Gusto” con la collaborazione di Alberto Marcomini ed è riservato ai migliori formaggi nazionali prodotti con 100% latte italiano.

Il Capra al traminer, la creazione casearia della storica latteria di Bagnolo di San Pietro di Feletto, è entrato così, per la seconda volta, nella top ten dei migliori formaggi italiani conquistando la medaglia d’oro nella “Categoria Aromatizzato”. Il Capra al traminer della Latteria Perenzin è un ubriacato prodotto con latte di capra che nasce dai verdi pascoli del Veneto affinato con l’uva traminer del Trentino Alto Adige, che offre aromi delicati e profumati.

in data:15/10/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo