Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Aziende » Ferrero, la multinazionale produttrice della Nutella non rinuncia all'olio di palma

Aziende

Ferrero, la multinazionale produttrice della Nutella non rinuncia all'olio di palma

Ferrero non fa retromarcia sul tanto criticato e biasimato olio di palma. La multinazionale piemontese di Alba, produttrice della famosa crema spalmabile Nutella, ha infatti comunicato ufficialmente, con un convegno ad hoc, che non intende rinunciare all’ingrediente 100% sostenibile e certificato.

"Noi crediamo che l'olio di palma sia fondamentale per la qualità dei nostri prodotti altrimenti potremmo cambiarlo - ha detto Alessandro d'Este, amministratore delegato di Ferrero Commerciale Italia - e siamo altrettanto convinti che la qualità dei nostri prodotti e il rispetto del nostro consumatore partano dal non accettare nessun compromesso. Noi – prosegue- abbiamo un'attentissima selezione della materia prima, selezioniamo aree e raccoglitori che spesso sono piccoli produttori agricoli, e con attenzione segreghiamo il prodotto rispetto ad altri che non vengono certificati - ha spiegato ancora- D'Este. Poi lo portiamo in casa nostra e gestiamo le ultime fasi della deodorazione per garantire, attraverso le basse temperature, che il prodotto sia di qualità ineccepibile, senza contaminanti allo stesso livello degli altri oli vegetali utilizzati".

L'azienda di Alba negli ultimi anni si è impegnata-spiega nel dettaglio una nota-  a garantire una filiera di produzione dell'olio di palma sostenibile, 100% "segregato" certificato da Roundtable on sustainable palm oil (Rspo). In più dal 2015 Ferrero è entrata a far parte del Palm oli innovation group (Poig) che ha l'obiettivo di riformare l'industria dell'olio di palma a partire dagli standard di Rspo, ma già dal 2013 si era dotata internamente di un decalogo, la Carta Ferrero per l'olio di palma, che certifica l'impegno alla non deforestazione, alla tutela delle specie, alla riduzione dei gas serra e al rispetto dei diritti umani. Per questo Greenpeace, che fa parte del Poig, nelle sue pagelle sulle aziende che utilizzano olio di palma quest'anno ha identificato Ferrero come azienda leader, capace di tracciare l'intera filiera di quasi tutto il prodotto

in data:27/10/2016

Cerca

Multimedia

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”

  • foto

    La Top ten delle etichette più belle d'Italia: ORNELLAIA 2011 (ORNELLAIA)

  • video

    San Valentino, la cena romantica al ristorante è la preferita dagli innamorati