Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Mipaaft » Firmati a Pechino accordi per export nocciole ed erba medica

Mipaaft

Firmati a Pechino accordi per export nocciole ed erba medica

Firmati all’Agenzia delle Dogane di Pechino dal ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centiaio due accordi che permetteranno l'esportazione di nocciole ed erba medica. Ha siglato anche il nuovo protocollo sugli agrumi. Le autorità cinesi hanno confermato che, nelle more della firma, l’intesa su export agrumi per via aerea è già provvisoriamente applicabile e i nostri produttori possono cominciare a esportare.

“La firma- ha dichiarato il ministro Centinaio-  di questi accordi rappresenta un passo in avanti importante per la nostra agricoltura che può approcciare oggi un mercato dalle grandi potenzialità per le nostre esportazioni come quello cinese. Nel quadro dei nostri rapporti con la Cina, il settore agroalimentare ha un’importanza crescente. Inoltre- ha aggiunto- abbiamo sollecitato la controparte a concludere presto l’intesa sul riso da risotto nonché quella sulle carni crude negoziata dal ministero della salute. Infine- ha concluso- ci siamo impegnati a far progredire la nuova trattativa sulle pere. Proseguiamo su questa strada, sostenendo in maniera forte e concreta i nostri produttori”

in data:23/01/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Food delivery, fatturato a 350 milioni di euro nel 2018, + 69%

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo