Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Trend & Mercati » Grano e riso, raccolto record

Trend & Mercati

Grano e riso, raccolto record

I mercati alimentari globali rimarranno "generalmente ben bilanciati" nel prossimo anno, poiché i prezzi delle materie prime agricole più commerciate a livello internazionale rimarranno relativamente bassi e stabili, ha reso noto la Fao.  La prospettiva positiva, soprattutto per i cereali di base, porterà il costo mondiale delle importazioni alimentari al suo minimo negli ultimi sei anni, secondo le anticipazioni del rapporto Fao Food Outlook (Prospettive alimentari), pubblicato oggi.

Le previsioni di una produzione mondiale record per i raccolti di grano e di riso di quest'anno, insieme alla ripresa della produzione di mais, contribuiranno a mantenere scorte ampie e prezzi bassi.  La produzione di cereali a livello mondiale nel 2016 dovrebbe salire a 2.569 milioni di tonnellate, una crescita dell'1,5% rispetto all'anno scorso e sufficiente ad incrementare ulteriormente le scorte esistenti.

Il valore totale delle importazioni alimentari si prevede nel 2016 calerà dell'11% in termini di dollaro americano attestandosi a 1.168 miliardi di dollari, poiché i costi più bassi per i prodotti animali e le derrate cerealicole compenseranno abbondantemente i costi più alti per prodotti ittici, per la frutta e la verdura, per gli olii e in particolare per lo zucchero. Tuttavia, il calo dovrebbe essere più lento per le nazioni economicamente più vulnerabili, molte delle quali vedranno un deprezzamento della valuta locale.

 

Nel dettaglio la Fao ha rivisto le sue previsioni al rialzo per la produzione mondiale di grano portandole a 742,4 milioni di tonnellate, a causa degli incrementi produttivi in India, negli Stati Uniti e nella Federazione Russa - che con tutta probabilità supererà l'Unione ruropea diventando il più grande esportatore di grano. L'utilizzo totale di grano dovrebbe raggiungere i 730.5 milioni di tonnellate, incluso un grande aumento nell'impiego di grano di qualità inferiore per l'alimentazione animale.

La produzione mondiale di riso si prevede aumenterà per la prima volta in tre anni, con un incremento dell'1,3% raggiungendo il massimo storico di 497,8 milioni di tonnellate, grazie alle abbondanti piogge monsoniche in Asia e al considerevole aumento produttivo in Africa.  La produzione di cereali secondari vedrà un aumento dell'1,8% rispetto all'anno scorso, dovuto a raccolti record negli Stati Uniti, in Argentina e in India.

in data:06/10/2016

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    La Top ten delle etichette più belle d'Italia: ORNELLAIA 2011 (ORNELLAIA)

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”