Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Unione Europea » Il biologico ha il suo nuovo logo

Unione Europea

Il biologico ha il suo nuovo logo

 Scelto il nuovo logo per gli alimenti biologici. A partire dal primo luglio i prodotti - ha fatto sapere la Commissione europea - saranno riconoscibili da una Eurofoglia con dodici stelle bianche su fondo verde brillante con al centro una cometa. Il logo è stato scelto tramite un concorso paneuropeo aperto a studenti di arte e di design. Le 3.500 proposte pervenute sono state esaminate da una giuria di esperti internazionali che ha selezionato le tre migliori, poi pubblicate sul sito del concorso, dove è stato possibile votarle fino al 31 gennaio Intanto dalla16/a edizione del rapporto Biobank (l'annuario del comparto biologico italiano che censisce oltre 8 mila operatori del settore) emerge che la vendita diretta, in particolare di prodotti bio, contagia nuovi settori e fasce sociali. Nei 3 anni considerati dallo studio (2007-2009) il dato piu'significativo riguarda la crescita dei gruppi d'acquisto solidale passato da 356 a 598: +68%. Tendenza confermata dallacrescita del 32% delle aziende con vendita diretta (passate da1.645 a 2.176). Non conoscono crisi ristoranti e agriturismi che offrono prodotti bio, cresciuti del 31 e del 22%.

in data:02/07/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo