Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Salute e Alimentazione » Il pane può aiutare a prevenire diabete e cardiopatie

Salute e Alimentazione

Il pane può aiutare a prevenire diabete e cardiopatie

A seconda del frumento utilizzato, il pane puo' aiutare a prevenire le cardiopatie o il diabete di tipo 2. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori finanziato dall'Unione Europea in uno studio riportato dal notiziario Cordis.

Il pane di frumento integrale e' un'alternativa migliore del pane bianco. Cosi' come una dieta a base di frumento integrale puo' contribuire al benessere e a una migliore salute complessiva, perche' il frumento integrale contiene piu' fibre, vitamine e minerali. Sempre piu' studi, inoltre, hanno dimostrato che l'assunzione sia di frumento integrale che di fibre alimentari di cereali puo' proteggere dalle malattie croniche spesso dovute alle abitudini sedentarie.

Lo scopo del progetto 'Healthgrain' ('Exploiting bioactivity of European cereal grains for improved nutrition and health benefits') e' comprendere le attese e gli atteggiamenti dei consumatori, e condurre ricerche avanzate sui composti di frumento integrale che proteggono la salute. Lo scopo finale del progetto e' quello d'ispirare alimenti sani, gustosi e convenienti che contengano questi componenti protettivi in maggiore quantita' e posseggano la capacita' di prevenire - o addirittura di contrastare - differenti tipi di malattie. Oltre 40 organizzazioni di 15 paesi europei partecipano al progetto 'Healthgrain', finanziato con 10,81 milioni di euro attraverso l'area tematica 'Qualita' e sicurezza alimentare' del Sesto programma quadro (6/o PQ).

Coordinato dal Technical Research Centre della Finlandia, il progetto ha prodotto alcuni risultati interessanti dal suo inizio nel 2005. Le ultime conclusioni indicano che i vantaggi del frumento integrale non si fermano al suo guscio esterno, ovvero la crusca ricca di fibre. La ricerca condotta per 'Healthgrain' da scienziati dell'Universita' di Lund, in Svezia, mostra che, al contrario, il pane fatto con farina di segale bianca (ricavata dalla parte interna dei grani di segale) puo' produrre livelli d'insulina e di zuccheri nel sangue piu' sani rispetto al pane di frumento con crusca di segale (un'elevata percentuale del pane venduto in molti paesi e' fabbricato con farina di frumento e crusca di vari cereali).

"Non sappiamo precisamente perche' la segale stabilizzi la curva degli zuccheri nel sangue, ma ci stiamo avvicinando sempre piu' alla risposta", ha detto Liza Rosen dell'Universita' di Lund. "Esistono diversi tipi di segale e non tutti hanno lo stesso effetto", ha aggiunto. Il team ha anche scoperto che i partecipanti agli studi sui pasti, che avevano consumato grani di segale cotti al mattino, erano piu' sazi e mangiavano significativamente meno a colazione rispetto ai partecipanti che avevano mangiato pane bianco. E' risultato anche che il pane e i cereali caldi fatti con segale bianca e segale integrale saziavano piu' del pane di frumento bianco. Attualmente gli scienziati stanno svolgendo un terzo studio sulle qualita' di consumo di differenti tipi di segale. Il progetto quinquennale 'Healthgrain 'termina nel 2010.

in data:18/08/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno