Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Salute e Alimentazione » Il te' rosso è ricco di antiossidanti

Salute e Alimentazione

Il te' rosso è ricco di antiossidanti

Pubblicata su Food Chemistry la ricerca Inran sul prodotto

Per la prima volta, una ricerca in vivo condotta dall’ Inran, l’ente pubblico italiano per la ricerca in materia di alimenti e nutrizione, ha valutato direttamente sull’uomo le proprietà antiossidanti dei tè Rooibos, fermentati e non fermentati.

Si tratta - si legge in una nota -  di una bevanda di origine sudafricana, ancora non molto conosciuta in Italia e impropriamente chiamata te' rosso, in quanto ottenuta dall’arbusto indigeno Aspalathus linearis o Rooibos (traduzione afrikaans dall’inglese red bush, cespuglio rosso). Pur avendo un gusto molto simile al tè, non contiene caffeina ed è ricco di antiossidanti. I benefici salutistici di questo infuso sono già noti da tempo alla ricerca, ma dimostrati finora solo con studi in vitro.

Alla ricerca - pubblicata su Food Chemistry 123 (2010) 679-683 – hanno partecipato 15 volontari sani, normopeso, non fumatori, che hanno seguito, per i due giorni precedenti l’inizio dell’esperimento, una dieta a basso contenuto di antiossidanti e senza ricorrere ad alcun integratore. Il giorno dell’intervento, a digiuno, sono stati divisi in 3 gruppi e il gruppo A ha bevuto 500 ml di acqua, il gruppo B 500 ml di tè rooibos fermentato (pronto da bere), il gruppo C 500 ml di tè rooibos non fermentato (anch’esso già pronto). I prelievi sono stati effettuati al momento dell’ingestione e poi a mezzora, a un’ora, a due e a 5 ore. E ogni 2 settimane l’esperimento è stato ripetuto, facendo ruotare la bevanda prevista per ogni gruppo fino a quando tutti i soggetti non hanno ingerito le tre tipologie di liquidi.

"A 20 anni dallo studio Inran che dimostrava per la prima volta sull’uomo le proprietà antiossidanti dei tè verde e nero – afferma Mauro Serafini, il ricercatore Inran che ha coordinato lo studio – abbiamo provato che le stesse caratteristiche possono essere attribuite anche al rooibos. I risultati hanno evidenziato, ad un’ora dall’ingestione di tè rooibos, un significativo aumento delle difese antiossidanti plasmatiche. Berne ogni giorno può quindi contribuire ad aumentare le difese antiossidanti, rafforzando la protezione dai radicali liberi in eccesso"

in data:29/10/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno