Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Unione Europea » L'Unione europea chiede il rimborso agli Stati membri

Unione Europea

L'Unione europea chiede il rimborso agli Stati membri

Brutta tegola per i Paesi membri dell'Ue. La Commissione europea ha chiesto agli Stati membri il rimborso di 346,5 milioni di euro di spese della politica agricola comune. Si tratta di "fondi agricoli indebitamente versati". I principali "creditori" di Bruxelles sono Spagna (47,5 milioni), Polonia (92 milioni), Grecia (105,5 milioni), Regno Unito (14,2 milioni) e Olanda (10,4 milioni).


All'Italia sono stati chiesti 2 milioni di cui 1,878 per l'inosservanza dei termini di pagamento per un audit finanziario. I rimborsi sono stati chiesti per la "mancata osservanza della normativa comunitaria" o "inadempienze nelle procedure di controllo della spesa agricola. Se infatti gli Stati membri sono responsabili del pagamento e della verifica delle spese della politica agricola comune (PAC), spetta alla Commissione controllare che essi abbiano fatto un uso corretto dei fondi", si legge nella nota della Commissione. "Ci troviamo davanti a uno strumento importantissimo per assicurare che gli Stati membri predispongano i necessari controlli affinche' si garantisca l'uso corretto del denaro dei contribuenti", e' il commento del commissario all'Agricoltura Dacian Ciolos.




in data:02/07/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo