Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Organizzazioni Agricole » L'olio I.O.O.% qualità italiana sbarca a Miami

Organizzazioni Agricole

L'olio I.O.O.% qualità italiana sbarca a Miami

L'olio extra vergine di oliva targato I.O.O.% qualita' italiana di Unaprol vince la crisi e vola verso il ricco mercato della Florida. Miami e Palm Beach, sono le tappe del nuovo calendario di appuntamenti e workshop cofinanziato nell'ambito del primo contratto di filiera per l'olio extra vergine di oliva italiano.


L'accordo - il primo in assoluto, sottoscritto tra Unaprol e ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali - si avvale della collaborazione strategica di Veronafiere cui e' affidata, attraverso la societa' IEM, International Exibition Management, l'organizzazione delle attivita' di promozione sui mercati dei Paesi terzi.
Negli Usa, che restano il principale mercato di sbocco del nostro prodotto targato made in Italy, l'Italia esporta mediamente 80mila tonnellate di olio di oliva all'anno per un contro valore che oscilla tra i 230/240 milioni di Euro. "La scelta di Miami e Palm Beach e' motivata dal fatto che il mercato degli Stati Uniti sta evolvendo verso la maturita'".
Ha riferito il presidente Massimo Gargano che aggiunge, "il nostro obiettivo e' quello di rafforzare l'offerta di qualita' in un mercato dove l'origine certa e garantita del prodotto di alta qualita' fa la differenza nel mare magnum dell'offerta di prodotto indifferenziato. Dobbiamo - ha poi concluso Gargano - incrociare la domanda di eccellenza, che giunge dai millenials, i giovani compresi tra i 21 ed i 30 anni, che rappresentano la categoria dei consumatori piu' emergenti che sta sviluppando la cultura dell'olio extra vergine di oliva come alimento dietetico e della salute". Miami e' il principale centro distributivo e di approvvigionamento di prodotti alimentari e bevande per il Sud-Est degli Stati Uniti ed i Caraibi e costituisce una realta' unica negli USA. E' il luogo dove si incrociano culture differenti, in particolare quella europea, dell'America latina e caraibica e - grazie alla favorevole posizione geografica, al contesto dinamico e alla rapida crescita - e' il luogo ideale per promuovere I.O.O.% qualita' italiana. La cittta' e' considerata "vetrina di lusso" per oltre 60 milioni di turisti, tra residenti e abitanti dell'America Latina e dei Carabi che ogni anno si recano a Miami per vedere e comprare il meglio del design, della moda, dell'oreficeria e, piu' in generale, dei beni di consumo presenti sul mercato USA.
Nell'area metropolitana di Miami vivono piu' di 1.500 esportatori, importatori e distributori di prodotti alimentari e bevande molto attivi e sempre interessati a conoscere nuovi prodotti ed aziende da rappresentare. A questi e' indirizzata l'offerrta di qualita' di I.O.O.% qualita' italiana. Dai porti di Miami e di Fort Lauderdale si riforniscono e salpano numerose navi da crociera delle principali linee di navigazione che ospitano a bordo oltre 5 milioni di passeggeri all'anno. Unaprol, in occasione di Vinitaly Miami - Palm Beach ha organizzato incontri con i buyer, giornalisti, chef e associazioni dei consumatori locali. L'obiettivo e' quello di offrire ai consumatori americani della East Coast l'opportunita' di scegliere e imparare a distinguere sul mercato americano il vero ed autentico prodotto 100% italiano di alta qualita' certificata e garantita.

in data:06/07/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno