Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Trend & Mercati » Nel Nord Italia in calo i derivati del pomodoro

Trend & Mercati

Nel Nord Italia in calo i derivati del pomodoro

Conclusa con un calo dei prodotti finiti la campagna del pomodoro da industria nel Nord Italia. I dati raccolti dall’OI – l’Organizzazione interprofessionale del pomodoro da industria del Nord Italia – certificano un calo del -8,5% di tutti i derivati del pomodoro (in primis polpa, passata e concentrati) rispetto alla produzione del 2017. Si è infatti passati da 1.246.758 tonnellate di prodotti finiti del 2017 a 1.141.110 del 2018. Tra i cali più rilevanti spicca quello complessivo dei concentrati, pari a -17,8% (da 187.966 tonnellate dello scorso anno a 154.423 di quest’anno), a maggior ragione in considerazione del fatto che già nel 2017 vi fu un calo del -20,9% dei concentrati rispetto alla produzione del 2016. Scendendo nel dettaglio il calo è del -34,6% per i semi-concentrati; del -11,3% dei concentrati; del -3,8% dei doppi concentrati e del -38,5% per i tripli concentrati.

Contrazioni significative si sono registrate anche nella produzione della polpa a cubetti (-34,6% da 358.281 tonnellate del 2017 a 245.787 del 2018) e della passata (-5,3% da 362.302 tonnellate a 345.096). Al contempo, rispetto al 2017, si registra però una produzione, per quanto più contenuta, qualitativamente maggiore come dimostra il brix medio ponderato di 4,78 più alto di quello dello scorso anno e, di conseguenza, in grado di garantire una maggiore resa di trasformazione.

I dati dei prodotti finiti sono il frutto di una campagna – iniziata il 16 luglio e terminata l’11 ottobre – che al Nord Italia ha visto lavorate nel complesso, secondo i dati definitivi e consolidati dell’OI, 2.446.932 tonnellate di materia prima, la metà del dato nazionale, da parte di 28 stabilimenti espressione di 21 imprese di trasformazione. Sulla consegna della materia prima si è registrato un calo del -13,18% rispetto a quanto contrattato a causa delle avversità climatiche – ci sono state grandinate che hanno danneggiato la produzione e in molti casi maturazioni precoci dovute al clima instabile – e alla proliferazione del ragnetto rosso nella provincia di Piacenza.

in data:21/11/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo