Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Organizzazioni Agricole » Nelle cooperative agroalimentari sale il numero di soci e lavoratrici donne

Organizzazioni Agricole

Nelle cooperative agroalimentari sale il numero di soci e lavoratrici donne

“Cresce la presenza femminile nella cooperazione agricola e agroalimentare di Fedagri-Confcooperative, dove il 21% del totale dei soci è donna mentre il 41,4%, con punte del 54% nel settore ortofrutticolo, è rappresentato da lavoratrici donne”.

Così il presidente di Fedagri-Confcooperative, Maurizio Gardini, commenta i dati resi noti da Elabora il Centro Studi di Confcooperative relativi alle “Quote rosa nell’agroalimentare”.

“Negli ultimi tre anni - aggiunge Gardini – è cresciuto dell’7,8% il numero delle donne occupate nelle nostre cooperative (nel 2008 era pari al 38,4% rispetto al 41,4% del 2011). Un dato in controtendenza rispetto anche agli ultimi dati Eurostat sull'occupazione femminile che, complice la crisi, tra il 1999 e il 2009 è scesa in Europa dello 0,6%. In Italia, ancora una volta fanalino di coda rispetto agli altri Stati membri, il tasso di occupazione femminile è calato dell’1,2%. Peggio di noi fa solo Malta”.

“La cooperazione agroalimentare - continua Gardini - sta dimostrando di mantenere stabili i livelli occupazionali, con un’attenzione particolare all’universo femminile. Molte nostre cooperative sono impegnate a favorire la conciliazione dei tempi del lavoro e della famiglia, dotandosi di strumenti quali un’organizzazione del lavoro flessibile, un’adattabilità dei servizi e reti territoriali che permettono alle lavoratrici una migliore gestione del tempo”.

“Riteniamo che il ruolo delle donne in agricoltura vada sostenuto e incentivato. - sostiene Gardini - Riservando alle lavoratrici posizioni apicali nelle imprese. Da questo punto di vista chiediamo anche alle nostre imprese di fare di più. I dati di Elabora infatti mostrano che la “governance” nelle nostre aderenti continua ancora ad essere saldamente in mano agli uomini”.

“La presenza femminile – sottolinea Gardini – è pari al 5,4% nei Consigli di Amministrazione delle cooperative agricole. I presidenti di C.d.A. donne non vanno oltre il 4,4%. Va un po’ meglio dove è prevista la sola figura dell’Amministratore Unico, caso in cui il 14,7% degli Amministratori Unici è donna”.

“Le analisi più recenti – dice Gardini - dimostrano come la presenza femminile nei C.d.A sia garanzia di longevità aziendale, stabilità strutturale e performance migliori. Dato che viene confermato anche dalle risultanze sul sistema Confcooperative”.

“Sarà ancora di più Festa della donna – conclude Gardini - se le nostre cooperative si impegneranno maggiormente in futuro, attraverso innovativi strumenti di organizzazione del lavoro, a favorire processi di conciliazione tra lavoro e famiglia. Un augurio alle donne è un augurio a tutta la nostra società e alle sfide del nostro Paese”.

in data:08/03/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno