Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Organizzazioni Agricole » Olio, il confezionato perde quota

Organizzazioni Agricole

Olio, il confezionato perde quota

In calo le vendite nel 2009 sia in Italia che all'estero. In difficolta' l'extravergine, da sempre segmento trainante del settore, poco incisivo anche l'apporto delle DOP/IGP e del 100% italiano Un 2009 difficile per gli oli confezionati, sia sul mercato interno che estero. Il rilievo giunge da ASSITOL, l'Associazione Italiana dell'Industria Olearia, sulla base dell'andamento complessivo delle vendite registrate lo scorso anno dalle aziende associate.


In ambito nazionale, la riduzione delle vendite riguarda soprattutto la categoria dell'olio d'oliva, peraltro gia' in declino da diverso tempo. Tuttavia, a preoccupare e' soprattutto la sofferenza dell'extravergine, fascia trainante dell'intero comparto, che ha perso quasi il 10%. Il sansa, in compenso, guadagna posizioni (+23,6%).
Nel complesso, secondo i dati ASSITOL, l'olio confezionato ha registrato nel 2009 un calo pari al 10,6%. Unico dato positivo, quello relativo alle categorie Dop/IGP e al 100% italiano, che hanno goduto, nel complesso, di un aumento del 14%. Tale risultato, pero', incide poco sulle vendite interne, poiche' i volumi relativi a tali categorie rimangono infatti ancora esigui: poco piu' del 6% dell'intero mercato. Inoltre, la crescita di questo segmento non riguarda la Grande Distribuzione, dove si calcola una perdita, anche per l'olio tutto italiano e a denominazione di origine controllata, superiore a quella registrata dai prodotti di marca.
Anche per l'export, il 2009 si e' rivelato un anno non proprio brillante. Le vendite sono in calo su tutte le varieta' ( -9%), soprattutto per l'oliva, che ha perso il 14%. La tendenza, dopo alcuni anni di buone performance, si spiega con una congiuntura economica negativa, che ha rallentato le vendite nei primi mesi dell'anno, mentre il forte ribasso del prezzo della materia prima ha frenato nei mesi finali.
A cio' deve aggiungersi la competizione sempre piu' serrata con alcuni Paesi che hanno avviato di recente la produzione (Australia, Nuova Zelanda, Argentina, Cile). Su questo versante, la concorrenza spagnola ha saputo reagire con maggiore fermezza, puntando sui prezzi concorrenziali e sulla promozione all'estero del prodotto. Non a caso Asoliva, l'associazione iberica di settore, ha di recente annunciato una crescita del 10% per le esportazioni degli oli confezionati. In questo quadro, il Regolamento UE sull'etichettatura, in vigore dal 1° luglio 2009, non ha finora apportato quel valore aggiunto che, al momento della sua approvazione, gli operatori si attendevano.

in data:06/07/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno