Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Trend & Mercati » Olio, siglato il patto di filiera

Trend & Mercati

Olio, siglato il patto di filiera

Un “nuovo inizio” con un percorso in sette tappe per la filiera dell’olio di oliva italiano. Dopo l’anno orribile per l’olivicoltura caratterizzato da un drastico calo della produzione a causa del maltempo e varie fitopatie, la filiera italiana riparte in modo unitario.  E’ quanto emerge dal testo di un documento congiunto firmato, dopo anni di dialogo difficile tra i settori commercio, trasformazione, industria olearia, e produttori. Il documento firmato dai rappresentati di Federolio(commercio oleario), Aifo (frantoiani), Assitol (industria) e Aipo, Cno, Unapol, Unaprol e Unasco, le cinque organizzazioni di produttori nazionali (A.O.P.), è il risultato di un nuovo equilibrio all’interno della filiera dell’olio di oliva. Vuole essere anche un forte segnale di unità che faciliterà il compito della politica, del Governo, del Parlamento e delle Regioni stesse perché in questo soggetto unitario trovano, ora, un interlocutore unico che rappresenta tutti i settori della filiera dell’olio di oliva del Paese.

Sette i punti sui quali si articola il documento: il varo di un piano strutturale per il  recupero degli impianti in stato di abbandono; incentivi a copertura dei costi per mancato reddito e per manutenzione; intervento straordinario per una politica di credito agevolato per le imprese olivicole; una misura dedicata allo sviluppo di nuovi ed efficienti centri di stoccaggio; miglioramento della qualità del prodotto, anche attraverso un sostegno della ricerca; potenziamento della promozione e comunicazione per l’olio extra vergine; politica di valorizzare di tutti gli sbocchi produttivi.

Il documento unitario, sotto riportato, prende spunto dalle proposte di un nuovo Piano Olivicolo Nazionale, le cui linee strategiche riferite a: interventi sulla struttura produttiva; qualificazione del prodotto; miglioramento della strutturazione della filiera e una più efficace politica di promozione furono presentate dal Ministero delle Politiche Agricole lo scorso 21 gennaio. Auspica, inoltre, che la risoluzione Mongiello, già approvata all’unanimità in Commissione Agricoltura alla Camera impegni il Governo a destinare cospicue risorse per sostenere il settore e per rilanciare   l’immagine all’olivicoltura italiana sui mercati di tutto il mondo.

in data:13/05/2015

Cerca

Multimedia

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”

  • foto

    La Top ten delle etichette più belle d'Italia: ORNELLAIA 2011 (ORNELLAIA)

  • video

    San Valentino, la cena romantica al ristorante è la preferita dagli innamorati