Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Unione Europea » Parlamento Ue, via libera alle nuove norme contro pratiche sleali

Unione Europea

Parlamento Ue, via libera alle nuove norme contro pratiche sleali

Via libera del Parlamento europeo a nuove misure per proteggere gli agricoltori dalle pratiche commerciali sleali, sia da parte degli acquirenti che dei distributori. Il testo e' stato approvato dalla plenaria di Strasburgo con 589 voti favorevoli, 72 contrari e 9 astensioni. Le nuove norme puntano a "sostenere i produttori alimentari contro le pratiche commerciali sleali dei grandi acquirenti, mettendo fine ai pagamenti in ritardo e alle cancellazioni a breve termine degli ordini e danno ai produttori di alimenti il diritto di richiedere un contratto di fornitura scritto".

Il testo vieta i pagamenti in ritardo per prodotti consegnati, cancellazioni tardive unilaterali o modifiche retroattive degli ordini, rifiuto da parte dell'acquirente di firmare un contratto scritto con un fornitore e uso improprio di informazioni riservate. Minacce di ritorsioni nei confronti dei fornitori, ad esempio la cancellazione dei loro prodotti o il ritardare i pagamenti, per punirli per la presentazione di reclami, saranno anch'essi messi fuori legge. Agli acquirenti non sara' piu' consentito richiedere pagamenti dai fornitori per deterioramento o perdita di prodotti presso i locali dell'acquirente, a meno che non siano causati dalla negligenza dei fornitori o che i fornitori paghino il costo di esaminare i reclami dei clienti.
Altre pratiche, come restituire prodotti invenduti a un fornitore senza pagarli, costringere i fornitori a pagare per la pubblicita' di prodotti, addebitando fornitori per lo stoccaggio o la quotazione di prodotti, o imporre costi di sconto al fornitore, saranno messi fuori legge a meno che siano concordato nel contratto di fornitura.

La direttiva deve essere formalmente approvata dal Consiglio prima che possa entrare in vigore. Gli stati dell'UE
avranno quindi 24 mesi per introdurlo alle leggi nazionali. Le nuove regole dovrebbero essere applicate 30 mesi dopo l'entrata in vigore.

in data:12/03/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Per gli 80 anni di Batman il dolce lungo un metro e mezzo del maître chocolatier Davide Comaschi