Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Di che Dop&Igp sei ? » Pecorino Romano Dop

Di che Dop&Igp sei ?

Pecorino Romano Dop

Il Pecorino Romano DOP è un formaggio prodotto con latte di pecora intero. La pasta, dura e cotta, è compatta o leggermente occhiata, di colore dal bianco al paglierino più o meno intenso. Il sapore è aromatico e variamente piccante a seconda della stagionatura (5 mesi per il formaggio da tavola ed almeno 8 mesi per quello da grattugia).

Zona di produzione
E’ prodotto nell’intero territorio della Sardegna, del Lazio e nella provincia di Grosseto.

Storia
E’ il più antico e conosciuto fra i formaggi pecorini italiani. La storia del Pecorino Romano risale all’epoca dell’Impero Romano: il metodo di lavorazione, molto simile a quello attuale, fu descritto da Verrone e Plinio il Vecchio. Numerose testimonianze storiche fanno risalire la sua presenza nella vita quotidiana delle popolazioni sabine (Lazio) ad almeno 2000 anni fa; il suo nome infatti si riferisce alla sua matrice storica.
Nei palazzi imperiali era considerato il giusto condimento durante i banchetti mentre la sua capacità di lunga conservazione ne faceva un alimento base delle razioni durante i viaggi delle legioni romane. Era infatti una fonte importante di calcio, proteine e sale, elemento importantissimo a quei tempi, perché ridava forza e vigore ai soldati stanchi.
Il Pecorino Romano, proprio grazie alla sua lunga conservabilità, consentì agli emigranti italiani di consumare formaggio pecorino anche in USA; infatti altri tipi di formaggio non avrebbero resistito a lungo ai viaggi in mare.
A partire dal 227 a.C. si diffuse anche in Sardegna, dove sussistevano identiche condizioni ambientali e di allevamento; nei primi anni del ‘900 la sua produzione ha avviato un rilevante processo di sviluppo economico, valorizzando le due risorse caratteristiche dell’isola: il pascolo e la pecora.

Scheda tecnica:
N° aziende agricole
Anno 2005: 11.952
Anno 2006: 10.920

N° strutture artigianali e/o industriali
Anno 2005: 118
Anno 2006: 140

N° aziende socie del Consorzio di tutela
Anno 2005: 53
Anno 2006: 54

Le quantità prodotte e certificate

Anno 2005: 23.885,10 tonnellate
Anno 2006: 24.459,52 tonnellate

Giro d’affari
Volume d’affari alla produzione
Anno 2005: 93.034.890 euro
Anno 2006: 105.175.936 euro

Volume d’affari al consumo
Anno 2005: 98.760.014 euro
Anno 2006: 136.685.478 euro

in data:31/05/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion