Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » La Novità di Mercato » Polenta Valsugana, viaggio nei profumi e nei sapori del mais autentico

La Novità di Mercato

Polenta Valsugana, viaggio nei profumi e nei sapori del mais autentico

Tra tanti prodotti che possono essere facilmente contraffatti, alterando le proprie proprietà organolettiche, la polenta non è tra questi. Assaporare Polenta Valsugana significa fare un viaggio nei profumi e nei sapori del mais autentico. Un tuffo indietro nel tempo quando le famiglie italiane del nord Italia erano saggi e accaniti consumatori di polenta. Si parla di un  alimento che ha la forza di ricreare atmosfere familiari calde e intense. L’ingrediente principale della farina è il mais, che deve essere necessariamente di alta qualità con la granella altamente selezionata, controllata in laboratorio affinché non contenga pesticidi, microtossine o metalli pesanti.
 
In produzione la farina macinata passa, in tutte le fasi di lavorazione, attraverso filtri che ne affinano ulteriormente le caratteristiche. Questi sono i segreti della Polenta Valsugana: la farina viene sottoposta alla esclusiva doppia cottura a vapore che le conferisce la velocità di cottura e, al tempo stesso, le dona la consistenza ed il sapore caratteristico. In questa fase una parte della farina di mais viene cotta mediante l’immissione diretta di vapore e successivamente tostata ad alte temperature. Un’altra parte di farina viene cotta mediante l’immissione diretta di vapore e acqua demineralizzata. Il mix di queste componenti dà vita alla farina Polenta Valsugana, peculiare per la sua consistenza e l’inconfondibile profumo. Tra l’altro la polenta è versatile: può essere utilizzata in numerose preparazioni con diversi ingredienti, come la base di un pane e in forme diverse come stick, cubetti, fette. Altro punto di forza è che può adattarsi ad aperitivo, cena veloce/per due, antipasto, piatto unico, dessert e perfetta per essere gustata calda in inverno e fredda durante l’estate. E poi la velocità: pronta in soli 8 minuti, perfetta per chi non ha tempo da perdere!
Ecco qui la nostra ricetta preferita che troviamo tra le tante proposte:
 
TORTA SALATA DI POLENTA CON BROCCOLI E SALAME- #polentavalsugana
 Ingredienti per 10 porzioni
• 125 gr Polenta Valsugana Rapida Gialla
• 100 gr zucchero
• 400 gr latte
• 100 gr caffè
• 10 gr caffè liofilizzato
• 500 gr mascarpone
• 200 gr panna montata zuccherata
• 100 gr zucchero semolato
• 5 tuorli
• q.b cacao
• q.b olio di mandorle per lo stampo
Preparate la polenta: ponete sul fuoco una casseruola con un litro e mezzo d’acqua. Salate e, appena spicca il bollore, versate a pioggia la farina di mais mescolando bene. Mescolate con un cucchiaio di legno mantenendo l'ebollizione e cuocendo per 8 minuti.
Unite la caciotta a cubetti, il pamigiano grattugiato e un ciuffetto di prezzemolo tritato.
Allontanate dal calore e aromatizzate la polenta con il pepe.
Completate con 80 g di cubetti di salame (conservate gli altri per la decorazione) e mescolate.
Arricchite con i broccoli (conservatene a parte alcuni per la decorazione finale).
Versate il composto in uno stampo di Ø 24 cm, unto, livellate la superficie con il dorso di un cucchiaio unto creando qualche fossetta e infornate a 200° per 20 minuti, più 5-7 minuti con funzione grill.
Sfornate, sformate e decorate la preparazione con i cubetti di salame e i broccoli tenuti da parte

in data:03/12/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo