Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Aziende » Riapre Melegatti. Nuovo ciclo con 35 dipendenti

Aziende

Riapre Melegatti. Nuovo ciclo con 35 dipendenti

Riapre lo stabilimento dolciario Melegatti. La produzione riparte con 35 dipendenti a tempo indeterminato, per lo piu' ex lavoratori dello storico brand, ai quali seguiranno nei prossimi mesi ulteriori assunzioni. Sono terminate oggi le operazioni di cessione dell'azienda dolciaria da parte della curatela del Tribunale di Verona: il costo d'acquisto - riferisce una nota - e' stato di 13,5 milioni. Il noto pandoro veronese, con 124 anni di storia, e' di proprieta' della famiglia di Roberto Spezzapria, l'imprenditore veneto che intende rivitalizzare il marchio con il figlio Giacomo.

La societa' "Sominor srl" si e' trasformata in "Melegatti 1894 Spa" e sono stati formalizzati gli incarichi all'interno del consiglio di amministrazione. Giacomo Spezzapria e' il presidente della Melegatti e Denis Moro e' l'amministratore delegato. La Melegatti entra a far parte di un gruppo alimentare assieme a tre societa' di packaging, la vicentina "Eriplast", la trentina "Fucine Film" e la modenese "Albertazzi G.". La proprieta' conta su integrazione verticale della filiera alimentare ed economie di scala. "Terminate le procedure di acquisto - dichiara Giacomo Spezzapria - da oggi saremo ancor piu' concentrati sul ritorno del tradizionale pandoro e panettone Melegatti sulle tavole degli italiani. Abbiamo puntato molto sullo sviluppo del territorio e sulla valorizzazione delle sue competenze. Ora la nostra presenza a Natale sara' importante perche' dimostra la concreta volonta' di ripartire con la tradizione, la qualita' e il prestigio di un marchio dolciario unico in Italia e nel mondo".

in data:19/11/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo