Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Organizzazioni Agricole » Saccarifero, la filiera non molla

Organizzazioni Agricole

Saccarifero, la filiera non molla

 Una lettera congiunta di tutta la filiera bieticolo - saccarifera (Unionzucchero, Anb, Cnb,Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil) ha ricordato al Ministro per le Politiche agricole Galan e al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Letta il formale impegno delGoverno ad inserire nella legge sugli incentivi il rifinanziamento del Fondo per laristrutturazione del settore bieticolo saccarifero mediante lo stanziamento di 86 milioni di euro.

L'impegno all'erogazione degli aiuti al settore - si legge in una nota - era stato assunto da questo Governo in sedecomunitaria (Reg. n. CE/320/2006) ed era stato ribadito in numerosissimi provvedimenti normativi nazionali.
Lo scorso 3 marzo, il Comitato Interministeriale per la gestione della ristrutturazione delsettore bieticolo - saccarifero, presieduto dal Sottosegretario Letta, aveva espressamente indicato dove erano già state reperite le risorse per la copertura finanziaria.


Nelle scorse settimane, tale impegno era stato ulteriormente confermato in occasione di diverse risposte del Governo alle interrogazioni parlamentari e lo stesso ex Ministro Zaia nei suoi interventi in Parlamento - poco prima delle elezioni regionali in Veneto - aveva espressamente rassicurato gli operatori, i bieticoltori, i lavoratori e il sindacato: gli aiuti sarebbero stati erogati agli aventi diritto, con la legge di conversione del Decreto legge incentivi e senza ulteriori ritardi.


Risulta, invece, che tutti gli emendamenti presentati dalle varie forze politiche, nell'assenza dell'annunciato emendamento governativo, siano stati dichiarati inammissibili.
La filiera è sconcertata di come sia stata tradita la fiducia riposta nella parola data dal Governo in ogni sede istituzionale ed è indignata nel rilevare che le innumerevoli dichiarazioni giornalistiche volte a rassicurare avessero evidentemente una funzione preelettorale.


Sarebbe - continua la nota - di una gravità assoluta che fosse confermata l'intenzione del Governo di emendare il DDL Incentivi in tanti aspetti differenti, ignorando dolosamente ogni impegno
con il nostro settore.


Ribadiamo - concludono le organizzazioni - che in tal modo la maggioranza di Governo si assume la responsabilità di danni irreparabili ad una filiera: che produce in quattro stabilimenti industriali il 30% dello
zucchero consumato in Italia; che trasforma il prodotto agricolo coltivato da 10.000 aziende agricole italiane su 62.000 ettari distribuiti in 11 regioni; che occupa migliaia di lavoratori


in data:06/07/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno