Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Aziende » Sanpellegrino, 70 mln per rendere Acqua Panna la “premium still water” del Gruppo Nestlé nel mondo

Aziende

Sanpellegrino, 70 mln per rendere Acqua Panna la “premium still water” del Gruppo Nestlé nel mondo

Annunciato da Sanpellegrino, azienda delle acque minerali e delle bibite non alcoliche,  un investimento su Acqua Panna. Obiettivo del progetto, del valore complessivo di circa 70 milioni di euro stanziati nei prossimi 3 anni, è fare di Acqua Panna la “premium still water” del Gruppo Nestlé nel mondo. Il progetto prevede l’avvio di un Masterplan per il re-design architettonico, l’incremento di efficienza del sito produttivo di Scarperia e San Piero, e un investimento in comunicazione per fare da volano a un ulteriore sviluppo del brand sui mercati internazionali. Acqua Panna, con una crescita del 13% a volume nel 2017, ha contribuito a trainare l'export del Gruppo anche lo scorso anno. Sanpellegrino ha chiuso il 2017 con un fatturato di 895 milioni di euro e, grazie a prodotti come le acque minerali Acqua Panna e S.Pellegrino e le bibite a marchio Sanpellegrino, simbolo dello stile e del gusto italiano nel mondo, il suo giro d’affari è cresciuto con incrementi del 7,8% a volume in Europa e del 14,8% a volume in America Latina.

L’obiettivo di Sanpellegrino è rafforzare il posizionamento premium di Acqua Panna nel canale Horeca. e raggiungere un nuovo target nel canale “fuori casa” attraverso nuovi formati e una comunicazione mirata. Il primo passo in questa direzione è il lancio di una nuova immagine studiata per valorizzare ancora meglio la storia del brand e il territorio d’origine. Un logo più iconico che reinterpreta gli elementi dell’etichetta: la presenza del “giglio”, la data "1564" e la parola “Toscana” con un forte rimando alle sue origini.

in data:12/11/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Food delivery, fatturato a 350 milioni di euro nel 2018, + 69%

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo