Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Ricerca Agricola » Sequenziato il genoma del "Clementine" e di altri otto agrumi

Ricerca Agricola

Sequenziato il genoma del "Clementine" e di altri otto agrumi

Un consorzio internazionale, l'International citrus genome consortium, comprendente ricercatori di Italia, Usa, Francia, Brasile, ha pubblicato sulla rivista 'Nature Biotechnology' la sequenza completa del genoma di clementine (Citrus x clementina) e quella di altri otto agrumi, comprendenti specie e varieta' appartenenti a pomelo, arancio e mandarino.

Dal sequenziamento del genoma del clementine e di altri 8 agrumi si e' potuto ricostruire la storia di come l'uomo ha ottenuto i frutti di cui oggi si nutre. La partecipazione italiana al consorzio e' stata resa possibile grazie al progetto 'Citrustart', finanziato in Italia nel 2009 dal ministero delle Politiche agricole attraverso il Cra- Consiglio per la Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura con il Centro di ricerca per l'agrumicoltura e le colture mediterranee, che lo ha coordinato.Hanno partecipato al progetto l'Istituto di Genomica Applicata (Iga), l'Universita' di Udine e la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.

"L'analisi della diversita' genetica presente fra specie e varieta' di Citrus facendo uso delle piu' moderne metodologie di sequenziamento di nuova generazione e di analisi bioinformatiche, ha consentito di ricostruire la storia evolutiva e l'impatto dei processi di addomesticamento e di selezione portati avanti dall'uomo in un complesso di specie quali gli agrumi di grande importanza sia a livello internazionale che per l'Agricoltura italiana", ha dichiarato Michele Morgante direttore scientifico dell'Istituto di Genomica Applicata e professore di Genetica presso l'Universita' di Udine. Aver compreso l'origine delle attuali specie coltivate "potra' in futuro servire ad indirizzare i programmi di miglioramento genetico per l'ottenimento di nuove varieta' migliorate da un punto di vista qualitativo e nei riguardi della resistenza alle malattie", ha concluso.

in data:09/06/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”