Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Il Prodotto » Speck Alto Adige Igp registra un calo della produzione del 4,4%

Il Prodotto

Speck Alto Adige Igp registra un calo della produzione del 4,4%

Il 2020 si conferma un anno difficile per lo Speck Alto Adige Igp che registra un calo della produzione del 4,4% rispetto al 2019. Con 2.802.310 baffe contrassegnate con il marchio si registra una quota stabile dello Speck Alto Adige Igp (41,2%).  Il report è emerso nel  corso dell’Assemblea Annuale, tenutasi il 20 febbraio scorso in forma virtuale, alla quale hanno preso parte produttori associati. Appuntamento durante il quale è stato eletto anche il nuovo Presidente del Consorzio Tutela Speck Alto Adige Igp David Recla.

Nel 2020 si conferma il mercato italiano come principale sbocco commerciale per lo Speck Alto Adige Igp (66,5% con un aumento di 2 punti percentuali sul 2019), soprattutto nelle regioni del Nord e all’interno del territorio altoatesino, anche se cresce sempre di più la domanda da parte del Sud Italia e dei paesi oltre i confini nazionali. Il mercato estero rappresenta il 33,5% della restante quota di commercializzazione e sono soprattutto la Germania (che aumenta la quota percentuale al 28% dal 26% dello scorso anno) e gli Usa (1,7%) a registrare un aumento della popolarità dello Speck Alto Adige Igp, inserendolo tra i prodotti della salumeria italiana più esportati. Seguono Francia (1,4%), Austria (0,9%) e Svizzera (0,7%) 2 Anche nel 2020, il canale di vendita principale in Italia resta la grande distribuzione (GDO) con il 68,5%. Seguono i discount con il 17%, i grossisti con il 5,4%, la vendita al dettaglio con il 4,3% e la gastronomia con il 2,2%. La vendita al dettaglio è particolarmente diffusa soprattutto all’interno dei confini altoatesini (41%).

Lo speck preaffettato resta comunque la prima scelta per i consumatori: nel 2020 sono stati prodotti 44.783.524 milioni di confezioni di speck preaffettato – un incremento del 16,6% rispetto al 2019 che conferma come il trend vada nella direzione del risparmio di tempo e di una maggiore richiesta di praticità e comodità. La confezione da 100 g è ancora la più venduta ma crescono anche quelle da 50 g, 60 g e 70 g designando un quadro chiaro di come siano cambiate le abitudini di consumo nell’ultimo anno. In totale, è stata prodotta una confezione di Speck Alto Adige IGP per il 75% degli italiani.

in data:23/02/2021

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno