Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Ricerca Agricola » Sushi 283 volte più ricco di parassiti che 40 anni fa

Ricerca Agricola

Sushi 283 volte più ricco di parassiti che 40 anni fa

I pesci oggi corrono rischio di infezione circa 283 volte maggiore rispetto a 40 anni fa. Questo e' quanto sostengono i ricercatori dell'Universita' di Washington, che hanno pubblicato un articolo sulla rivista Global Change Biology. Lo studio si basa sull'analisi della presenza del parassita Anisakis tra il 1978 e il 2015. "Abbiamo raccolto dati riportati su 123 diverse ricerche che indagano riguardo il numero medio di parassiti trovati su 56.778 pesci appartenenti a 215 specie. I risultati indicano che rispetto a 40 anni fa i pesci di oggi sono colpiti mediamente 283 volte piu' frequentemente", afferma Chelsea Wood dell'Universita' di Washington.

"L'Anisakis inizia il suo ciclo vitale nell'intestino dei mammiferi marini, viene escreto poi tramite le feci e infetta i pesci, i piccoli crostacei, o le larve dei krill, di cui i pesci si nutrono, provocando delle cisti nel proprio tessuto muscolare. I mammiferi marini si nutrono poi dei pesci infetti e il ciclo ricomincia", spiega il ricercatore. "Consumare pesci infetti crudi, affumicati o congelati in modo improprio puo' portare gli esseri umani a contrarre il parassita, che non prolifera nell'intestino umano, ma puo' provocare una reazione immunitaria, che a sua volta puo' portare a problemi intestinali, come nausea, vomito o diarrea", sostiene ancora Wood, sottolineando che la pericolosita' e' comunque molto bassa. "Io continuo a mangiare sushi, so che gli chef sanno individuare e rimuovere i parassiti. Non sappiamo da cosa derivi l'aumento della presenza di Anasakis, ma potrebbe essere collegato all'innalzarsi della temperatura del mare", conclude Wood, sperando di riuscire in futuro di contribuire a ridurre il numero di parassiti presenti nel sushi e nel pesce che mangiamo abitualmente.

in data:19/03/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion