Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Ricerca Agricola » Tracciabilità dei prodotti ittici: si usano i batteri e l'intelligenza artificiale

Ricerca Agricola

Tracciabilità dei prodotti ittici: si usano i batteri e l'intelligenza artificiale

Poter rintracciare l'origine di un alimento è fondamentale per garantire la sicurezza del consumatore. La tracciabilità "documentale" tuttavia può essere aggirata ed è quindi necessario avere a disposizione strumenti di verifica indipendenti. In un articolo da poco pubblicato su "Food Chemistry", la più importante rivista del settore, un gruppo di ricerca dell'Università di Padova propone un metodo altamente innovativo basato sull'utilizzo dei batteri e dell'intelligenza artificiale per individuare la provenienza dei prodotti ittici.

"Tutti gli animali, uomo compreso, convivono con un grandissimo numero di microbi - ha spiegato Massimo Milan, autore dello studio insieme ai colleghi del Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione - Questi non sono per forza dannosi o patogeni, bensì partecipano a funzioni fondamentali per gli organismi, ad esempio contribuendo alla digestione dei cibi e l'assorbimento di nutrienti essenziali, facilitando il sistema immunitario nel riconoscere e neutralizzare potenziali minacce, o contrastando la colonizzazione da parte di agenti infettivi patogeni"

 "L'insieme di questi microbi - ha proseguito Milan - costituisce il "microbioma", che presenta una distribuzione di specie e famiglie abbastanza precisa influenzata in parte dall'ambiente in cui vive l'organismo. Mentre studiavamo gli effetti dell'ambiente sulle comunità batteriche nelle vongole della laguna di Venezia» continua Massimo Milan "ci siamo accorti che i batteri presenti in campioni raccolti in aree differenti all'interno della laguna non erano gli stessi. Abbiamo allora utilizzato l'intelligenza artificiale per analizzare il microbioma delle vongole e, una volta addestrato, il programma era in grado di identificare il sito di origine con un margine di errore minimo". A livello applicativo questa ricerca permetterà di identificare le vongole provenienti da aree della laguna nelle quali è vietata la raccolta a causa della presenza di inquinanti chimici. Nonostante i divieti, in queste aree vengono comunque raccolti i molluschi con conseguenti rischi per i consumatori. Anche le possibili ricadute economiche sono importanti visto che l'Italia e in particolare l'Alto Adriatico, è il primo produttore di vongole in Europa e il secondo nel mondo dopo la Cina.

in data:27/02/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Per gli 80 anni di Batman il dolce lungo un metro e mezzo del maître chocolatier Davide Comaschi