Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Regioni » Veneto: ok al bando per la riconversione e ristrutturazione dei vigneti

Regioni

Veneto: ok al bando per la riconversione e ristrutturazione dei vigneti

Domande entro il 30 agosto

Via libera dalla giunta regionale del Veneto, su proposta dell'assessore all'agricoltura Giuseppe Pan, al bando per i viticoltori che provvedono alla riconversione e ristrutturazione dei vigneti. Per la prossima annualita' i contributi a disposizione delle aziende vitivinicole che producono varieta' destinate ai vini a denominazione d'origine o a indicazione geografica ammontano a 10.908.993 euro.

Potranno chiederli, nella misura del 40% della spesa sostenuta, i viticoltori veneti che investono nella riconversione varietale, nella ristrutturazione mediante diversa collocazione o modifica della forma di impianto e coltura, nel miglioramento delle tecniche di gestione dei vigneti e nel miglioramento delle opere a difesa (terrazze, ciglioni, muri a secco). Le domande devono essere presentate ad Avepa entro il 30 agosto mentre la conclusione delle operazioni e la presentazione della domanda di saldo dovra' avvenire entro il 15 aprile 2022.

"Abbiamo provveduto a ripartire subito la dotazione finanziaria del Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo disponibile per il Veneto- spiega Pan- in modo da coprire gli impegni presi per liquidare i saldi delle annualita' precedenti (che valgono circa 3,5 milioni di euro) e da assicurare alle imprese del settore un quadro finanziario di aiuti anche per la prossima campagna". Stante l'incertezza "che ancora grava sull'entita' della dotazione finanziaria assegnata dall'Unione europea all'Italia per il periodo 2021-2027 e vista l'importanza assunta per lo sviluppo delle aziende vitivinicole dalle operazioni di ristrutturazione e riconversione vigneti- conclude Pan- questa forma di sostegno pubblico rappresenta un necessario supporto alla qualita' e alla competitivita' dei nostri vini 'd'etichetta'. in un settore fortementecaratterizzato da elevata propensione al mercato".

in data:10/07/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno