Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Aziende » Veronesi, ricavi netti a +2,97 miliardi di euro

Aziende

Veronesi, ricavi netti a +2,97 miliardi di euro

Il Gruppo Veronesi chiude il 2017 positivamente con ricavi netti pari a 2,97 Miliardi di euro (+6,2%), una quota di export che raggiunge il 16% del fatturato totale e un Ebitda pari a 164 Milioni di euro. Il bilancio approvato dall`Assemblea della capogruppo Veronesi Holding conferma il Gruppo ai primi posti tra le aziende agroalimentari del Paese. Lo rende noto un comunicato dell'azienda. Il Gruppo Veronesi occupa più di 8.000 dipendenti in 23 siti produttivi ed è il primo gruppo italiano con filiera completa e integrata che parte dalla produzione dei mangimi sino alla trasformazione e distribuzione delle carni e dei salumi della tradizione gastronomica italiana. Al primo posto in Italia nell`alimentazione zootecnica e nell`avicolo e con una posizione consolidata nel mondo dei salumi e delle carni suine, appartengono al Gruppo marchi storici e iconici come Aia, Bon Roll, Wudy, Aequilibrium, Negroni, Montorsi, Fini Salumi e Veronesi. A questo risultato hanno contribuito le vendite sul mercato italiano e in quelli internazionali, pur in uno scenario complesso e caratterizzato da una contrazione dei consumi delle famiglie. Cresce la presenza sui mercati esteri (+3,5%) di tutte le categorie; nel 2017 l`export Made in Italy dell`azienda raggiunge oltre 70 Paesi e un fatturato di 470 Milioni di euro.

Il Gruppo consolida in particolare la leadership di A.I.A. nel settore avicolo del mercato domestico nei vari segmenti di pollo e tacchino, dagli affettati avicoli ai würstel sino agli elaborati crudi e cotti, sostenuta dall`attenzione per la qualità e l`alto contenuto di servizio dei prodotti. Crescono anche i salumi Negroni in Italia e, come ambasciatori della cultura alimentare del Paese, all`estero dove nel 2017 arrivano a sviluppare circa la metà del loro giro d`affari. I mangimi a marchio Veronesi registrano poi ottimi risultati arrivando a sfiorare nello scorso anno le 3.200.000 tonnellate di produzione nei sette siti produttivi.

"Siamo soddisfatti dei risultati raggiunti, grazie ad una strategia che mette costantemente insieme tradizione, competenze delle nostre persone, innovazione e investimenti nelle migliori tecnologie oggi disponibili - afferma Luigi Fasoli, Amministratore Delegato del Gruppo Veronesi - Abbiamo radici italiane e una forte vocazione all`export che premia l`agroalimentare di qualità del nostro Paese. Con le nostre attività nel 2017 abbiamo generato e distribuito valore per circa 960 Milioni di euro su tutto il territorio nazionale; il nostro impegno è quello di continuare a crescere in modo sostenibile come azienda, per portare sulle tavole di milioni di consumatori attraverso i nostri marchi prodotti eccellenti, sicuri e preparati con responsabilità". Al centro della strategia del Gruppo tre direttrici di sviluppo: l`innovazione nei segmenti di riferimento per anticipare i bisogni dei consumatori, i continui investimenti nei poli produttivi italiani per assicurare efficienza e competitività - oltre 88 Milioni di euro solo nel 2017 a conferma di una media annua di circa 100 Milioni nell`ultimo triennio - e la valorizzazione del patrimonio alimentare italiano custodito e innovato dalle competenze distintive delle proprie persone.

in data:24/05/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo