Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Aziende » Vino: Farinetti arriva in Sicilia

Aziende

Vino: Farinetti arriva in Sicilia

Sbarca in Sicilia  la cantina vitivinicola Borgogno: dopo oltre 250 anni di attività nel cuore di Barolo: è infatti stata perfezionata la joint venture con l’ imprenditore etneo Francesco Tornatore. La scelta di Borgogno di andare al di fuori dei confini delle Langhe- si legge in una nota-  è cominciata nel 2015 con l’acquisizione di 3 ettari nella zona dei Colli Tortonesi per la produzione del Derthona e di 15 ettari a San Marzano Oliveto, sulle colline dell’astigiano, per la produzione di Barbera d’Asti con Cascina Valle Asinari.

La Sicilia arriva con “Villa dei Baroni”, in contrada Carranco a Pietramarina, la frazione di Castiglione di Sicilia, provincia di Catania, sul versante nord dell’Etna per un  totale una ventina di ettari, tra vigne e uliveti con al centro  Villa dei Baroni. “Da tempo Borgogno- ha dichiarato Oscar Farinetti-  ha iniziato a guardare oltre i confini della zona del Barolo e questa volta ci siamo spinti lontano e abbiamo deciso di investire in Sicilia, sull’Etna, territorio distante ma accomunato alle Langhe per la produzione di vini di grande potenza e struttura. Siamo onorati di avere Francesco come socio, esperto ed intenditore del territorio, stimato da tutti. Lui è la persona giusta: insieme, progettiamo di realizzare non solo grandi vini ma anche olio dagli splendidi uliveti di Nocellara dell’Etna”

"Dar vita- ha detto Tornatore-  ad una società con Oscar Farinetti per produrre insieme vino dell'Etna è un risultato grandioso per me e la mia famiglia che da sempre crede alle potenzialità del Vulcano. La nostra conoscenza del territorio e la sua bravura di imprenditore nel portare nel mondo il made in Italy più buono, unita alla capacità di entrambi di amare il vino, potrà portare solo del bene all'Etna".

 

in data:27/07/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo