Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Aziende » Vino: Ruffino brinda ai 100 milioni di fatturato. Al via il progetto sul bere responsabile

Aziende

Vino: Ruffino brinda ai 100 milioni di fatturato. Al via il progetto sul bere responsabile

Supera per la prima volta i 100 milioni di euro di fatturato, nell’anno del suo centoquarantesimo anniversario, l’azienda vitivinicola Ruffino di Pontassieve (Firenze).  La crescita  dell’8% sull’anno precedente registra al suo interno  un +11% per il mercato domestico (dove la crescita è stata superiore rispetto ad altri Paesi).  Anche l’Ebit, l’indicatore che misura gli utili e la redditività aziendale, conferma la performance positiva,  attestandosi intorno al 21% del fatturato. Si tratta- viene precisato-  di risultati ancor più confortanti se comparati all’anno fiscale 2017, già caratterizzato da performance aziendali di alto livello.  La principale voce di crescita è rappresentata ancora una volta dall’export, che incide per il 93% sul totale del fatturato: tutte le aree geografiche in cui Ruffino viene distribuita presentano infatti segni positivi. Il principale mercato di Ruffino, gli Stati Uniti, prosegue la sua crescita (+2%): qui è rilevante sottolineare come soltanto in questo paese si superino abbondantemente il milione di casse da 12 bottiglie vendute. In continua ascesa anche il Canada (+15%), dove Ruffino è diventata il primo marchio italiano di vino in assoluto.

Partito anche Ruffino Cares progetto di sensibilizzazione al consumo di vino responsabile promosso, realizzato e comunicato in collaborazione col Comune di Firenze e col media The Florentine. #ruffinocares avrà un suo luogo di elezione, la Piazza dei Tre Re, uno scrigno verde restituito alla città che si trova nel cuore di Firenze. Nella piazzetta, ogni mercoledi a partire dallo scorso 20 giugno, saranno organizzate delle chiacchierate attorno a un calice, dove discuteremo, divertendoci, di vino ed eros, di rock, delle buchette del vino, di Caterina dei Medici, della Divina Commedia e di tanto altro. Degustazioni funzionali a collocare il vino e il suo assaggio in contesti “naturalmente responsabili”.
Inoltre, in Piazza dei Tre Re per tutta l’estate e durante alcuni grandi eventi dell’estate fiorentina ci saranno anche delle biciclette speciali a marchio #ruffinocares.

Le biciclette sono il simbolo di Ruffino Cares: non oggetti di sola visione ma che permetteranno di perseguire il racconto di sensibilizzazione pedalando direttamente verso il grande pubblico della notte fiorentina. Infatti, nei panieri di cui sono state dotate, vi saranno dei visori, degli speciali occhiali, per simulare lo stato di ebbrezza (e verranno fatti fare dei piccoli giochi come percorrere una linea dritta o tentare di fare canestro, per capire quanto fisicamente l’eccesso di alcool comprometta in lucidità, anche se spesso non se ne ha autocoscienza), saranno distribuiti degli opuscoli informativi sulle buone pratiche di approccio al vino, verranno elargiti degli etilometri, ci saranno dei gadget col logo cuore di #ruffinocares e molto altro.

Gli eventi fiorentini, dove sarà possibile interagire con le biciclette Ruffino Cares saranno, oltre la Piazza dei Tre Re, il Musart, dal 17 al 28 luglio, in Piazza Santissima Annunziata; il Florence Folks Festival, dal 25 al 28 luglio presso la ex Manifattura Tabacchi; sempre a settembre, durante il Firenze Jazz Fringe Festival, nell’Oltrarno fiorentino, luoghi ed eventi presenti nel cartellone dell’Estate Fiorentina.

in data:10/07/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo