Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Unione Europea » Xylella: l'Europa chiede piani d'emergenza entro la fine del 2016

Unione Europea

Xylella: l'Europa chiede piani d'emergenza entro la fine del 2016

Ogni Paese membro dell'Ue dovra' predisporre, entro il 31 dicembre 2016, piani d'emergenza nazionali per contrastare eventuali focolai di Xylella fastidiosa, il batterio che sta affliggendo gli olivi e i vitigni di Francia e Italia. E' una delle nuove misure adottate dal gruppo di esperti degli Stati membri, che ha adottato quasi all'unanimita' (Austria e Polonia astenute, nessun voto contrario) le misure aggiuntive a quelle gia' introdotte a livello comunitario.

La Commissione europea e il gruppo di esperti lavorano alla classificazione della sottospecie di Xylella, ed e' stato disposto una riscrittura della lista della piante "contaminate", da sostituire con due liste differenti, una contenente le piante contagiate da Pauca (che affligge l'Italia) e l'altra contenente le piante affette da Xylella Multiplex (attiva in Corsica e nella regione francese Provenza-Costa azzurra). Le liste saranno costantemente aggiornate dall'Ue sulla base delle informazioni fornite dagli Stati membri. Se uno Stato membro non e' in grado di classificare la sottospecie presente nel territorio deve applicare le misure gia' previste per Pauca e Multiplex. Possibile la commercializzazione delle piantine di vite ("barbatelle") dei vivai locali, fino a ieri proibito, e tutte le piante commercializzate all'interno dell'Ue dovranno essere accompagnate da "passaporti floreali" che indichino la provenienza della pianta. Si chiedono poi all'Italia nuovi test sulla vite, perche' l'Autorita' europea di sicurezza alimentare (Efsa) ritiene gli esami fin qui compiuti "non sono sufficienti a dimostrare che la vita non e' una pianta ospite" della Xylella

in data:24/11/2015

Cerca

Multimedia

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”

  • foto

    La Top ten delle etichette più belle d'Italia: ORNELLAIA 2011 (ORNELLAIA)

  • video

    San Valentino, la cena romantica al ristorante è la preferita dagli innamorati