Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Organizzazioni Agricole » Formaggi: positivo il saldo import/export

Organizzazioni Agricole

Formaggi: positivo il saldo import/export

La bilancia commerciale del settore caseario italiano ha chiuso il 2009 con un saldo positivo di 151 milioni di euro.
Nel corso del 2009, secondo i dati Istat, l'Italia ha venduto oltrefrontiera 248.117 tonnellate di formaggi, registrando un leggero rialzo rispetto al 2008 (+0,4%).


A valore l'export 2009 è ammontato a oltre 1,42 miliardi di euro, in calo del 2%, a testimonianza del calo dei prezzi registrato lo scorso anno. Per la prima volta nella storia, il saldo import/export è stato positivo: infatti il valore delle esportazioni ha superato di ben 151 milioni di euro quello delle importazioni.


La prima parte del 2009 è stata caratterizzata da forti cali delle vendite, mentre nella seconda parte c'è stata una netta ripresa dell'export. In particolare l'andamento molto positivo di dicembre ci ha fornito segnali incoraggianti per i mesi a venire. Infatti, rispetto al dicembre 2008, l'export di formaggi è risultato in crescita del 13% in quantità e del 10% in valore.

"Questa performance premia l'impegno profuso delle industrie casearie italiane, che anche in un contesto internazionale difficile e molto competitivo, hanno continuato a investire sui mercati esteri e a portare il meglio del made in Italy sulle tavole dei consumatori di tutto il mondo" sottolinea il presidente di Assolatte, Giuseppe Ambrosi.


I 3/4 dei formaggi esportati complessivamente sono costituiti da Mozzarella e altri freschi (36,4% di quota a volume), da Grana Padano e Parmigiano Reggiano (25%), da Pecorino Romano (6,6%), Gorgonzola (5,2%) e Provolone (1,6%).


Nel 2009 sono state vendute all' estero 90.337 tonnellate di mozzarella, ricotta ed altri formaggi freschi, pari allo 0,5% rispetto al 2008. Grana Padano e Parmigiano Reggiano hanno raggiunto quota 62.132 tonnellate, con un incremento del 3,7% sull?anno precedente, e hanno registrato ottimi incrementi in Paesi come Germania, Francia e Regno Unito. Il Gorgonzola, con 12.923 tonnellate destinate ai mercati esteri, ha registrato una variazione negativa del 2% circa ma ha visto aumentare i suoi estimatori in Francia.

Meno brillanti le performance del Pecorino Romano, dovuta al calo della richiesta da parte del suo principale mercato di sbocco, gli Stati Uniti, e del Provolone, che ha risentito anch'esso della minore richiesta di paesi importanti come Usa, Germania e Regno Unito. 2009 con il segno meno anche per Fontina, Asiago, Caciocavallo, Montasio, Ragusano, Italico e Taleggio

in data:06/07/2010

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno