Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » "Berberè - craft pizza & beer", in primo piano la qualità e l’artigianalità del cibo pop

L'indirizzo

"Berberè - craft pizza & beer", in primo piano la qualità e l’artigianalità del cibo pop

Arriva a Firenze il locale dei fratelli Salvatore e Matteo Aloe con l'obiettivo di proporre una pizza di alta qualità, stagionale, buona da mangiare e frutto di ricerca continua

Roma- Probabilmente è destinato a far parlare di sé molto nei prossimi mesi. Con un’offerta davvero smart e una carta di pizze selezionate è nato a Firenze,  nel cuore di Borgo San Frediano, Berberè - craft pizza & beer (Piazza De’ Nerli 1), il locale che coniuga l'amore per la slow pizza alla passione per le birre artigianali prodotte da piccoli birrifici indipendenti con la finalità di mettere in primo piano la qualità e l’artigianalità del cibo pop italiano

Il locale dei fratelli Salvatore e Matteo Aloe nasce dopo il successo ottenuto con Berberè light pizza & food, fondato a Castel Maggiore (Bo) nel 2010 e replicato a settembre 2013 in pieno centro a Bologna con l'apertura del ristorante Alce Nero - Berberè in partnership con Alce Nero, marchio leader del biologico. Entrambi i locali hanno avuto numerosi riconoscimenti e hanno partecipato ad importanti eventi gastronomici come Identità golose, Witaly, Chef al Massimo, Golosaria. L'obiettivo è quello di proporre una pizza di alta qualità, stagionale, buona da mangiare e da digerire, sostenibile, frutto di ricerca continua su farine, fermentazione, topping, metodi di cottura e proprietà nutrizionali.

Il menù sarà caratterizzato da un’offerta davvero smart con una carta di pizze selezionate (e una particolare attenzione per le proposte vegetariane), che utilizzano impasti con sole farine macinate a pietra, biologiche e anche alternative al grano. Uno dei punti di forza di Berberè: la formula degustazione, che permette di provare più pizze, servite una alla volta, in condivisione tra i commensali. Il menù cambierà con il cambiare delle stagioni: una parte delle pizze avrà abbinamenti tradizionali mentre l’altra si spingerà verso accostamenti di sapore più originali; tutte utilizzeranno materie prime che rappresentano le eccellenze regionali, selezionate attraverso un accurato lavoro di ricerca e di conoscenza diretta dei produttori, tra cui molti presidi Slow Food. I prezzi delle pizze partono invece da un minimo di 6 euro.

Oltre alle pizze, che sono il cuore della proposta di Berberè - craft pizza & beer, ci saranno a disposizione 10 proposte di cicchetti, o piccoli assaggi da consumare prima, dopo o durante la pizza, che prevedono l’impiego di prodotti scelti per altissima qualità. Non mancheranno i dolci, pure fatti artigianalmente e contraddistinti per semplicità e golosità.

Ad accompagnare le pietanze un ruolo importante spetta alla proposta del beverage, in particolare alle birre artigianali alla spina, 6 in tutto, selezionate da L.A.B. Libera Arte della Birra, distributore nato con l'obiettivo di diffondere la cultura della birra artigianale di qualità e del bere bene. Birre principalmente italiane, ottenute con metodo tradizionale, non pastorizzate e non filtrate, prodotte da un artigiano (il birraio) con materie prime selezionate e che cambieranno in base al menù per meglio abbinarsi ai gusti proposti.

Accanto alle birre una scelta accurata di vini da agricoltura biologica e biodinamica, nati dal lavoro appassionato di piccoli viticoltori indipendenti i cui metodi di produzione si rifanno alla tradizione contadina.  Berberè- craft pizza & beer è aperto tutte le sere 7 giorni su 7 e a pranzo dal venerdì alla domenica.

Foto di Francesca Sara Cauli

in data:17/09/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo