Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » "Bistrot 64", un mix di sapori romano-nipponici per vincere la sfida del rapporto qualità-prezzo

L'indirizzo

"Bistrot 64", un mix di sapori romano-nipponici per vincere la sfida del rapporto qualità-prezzo

A distanza di un anno dalla sua apertura entra nella squadra del locale romano di via Calderini il giapponese Kotaro Noda, chef stellato con alle spalle uno stage al Noma di Copenhagen e collaborazioni con Heinz Beck e Gualtiero Marchesi

Roma- Lo avevamo lasciato chef, ora lo troviamo Direttore del Bistrot 64. Emanuele Cozzo non finisce di stupire. Dopo aver aperto insieme ad alcuni soci questo angolo da appassionati gourmet nel vecchio, antico e residenziale quartiere romano del Flaminio, il giovane chef-imprenditore , ad un anno dall’apertura, ha cambiato le carte in tavola facendo entrare nella partita lo chef giapponese Kotaro Noda, stella Michelin e già Maestro di Alta cucina presso l’ Enoteca la Torre di Viterbo con un passato lavorativo al Magnolia Restaurant, uno stage al Noma di Copenhagen e collaborazioni, negli anni passati, con Gualtiero Marchesi, Heinz Beck e con la pluristellata Enoteca Pinchiorri a Firenze.

Con una proposta culinaria nipponico-romana, il Bistrot 64 (Via Calderini64) non mancherà dunque di regalare sorprese e una ventata di novità alla Capitale grazie ad un’ offerta di alto livello affiancata da un rapporto qualità/prezzo buono per tutte le tasche e veramente concorrenziale con un menù completo di vino che non supera la spesa di 50 euro.

Accogliente e curato nello stile il locale, lontano da qualsiasi rigidità nel servizio e arredato completamente in legno, consente con la nuova formula di apprezzare nel suo complesso una carta mai monotona e di degustare, senza ombra di dubbio, piatti preparati con ingredienti di primissima scelta. Tra le preparazioni di sicuro appeal i Lombrichelli con sugo di astice al dragoncello e una Tagliata di presa iberica marinata, cocomero e cresta di gallo.  Per tutti i golosi invece, andando al Bistrot, è consigliabile Via lattea, gelato all’olio extra vergine, meringa allo yuzu con un pralinato di cioccolato bianco e cuore di fragola. Insomma sembra tutto pronto per regalare forti emozioni agli amanti del buon cibo e della buona cucina con la sicurezza che non resteranno delusi.

Articoli Correlati

"Bistrot 64", un angolo caldo e raffinato con il vizio della qualità

"The World's 50 Best Restaurants", il Noma è il migliore

in data:28/06/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo