Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » "Marinella", la qualità di una pizza su misura

L'indirizzo

"Marinella", la qualità di una pizza su misura

Aperto a Roma, nella zona Prati, il locale sviluppato sull'idea di soddisfare il cliente. Nel menù cinque tipologie di prodotto "alla romana"

Roma-  Un posto dove semplicità e qualità vincono fuori dai riflettori della comunicazione o quasi.  Alle volte, in un periodo dove siamo assediati da maestri pizzaioli pirotecnici, chef stellati e lunari, manifestazioni  enogastronomiche favolose e liste di siti che fanno la corsa a scrivere chi sono i migliori dieci di ogni comparto alimentare dopo aver letto le guide di settore in odore di santità influenzate dalla pubblicità, un piccolo locale nella zona di Prati di Roma che prepara della buona pizza a taglio con il pensiero di  poter fare sempre meglio apre il cuore e fa dire che tutto è possibile senza magie comunicative, ma con la forza di volontà e la convinzione di  sapere che il passaparola premia più di ogni altra cosa.

Il segreto della riflessione è  “Marinella, la pizza su misura” (Piazza dell’Unità, 6). Il locale, dedicato alla pizza romana in teglia e voluto da Barbara Dominici e Constantin Popa Louis con la consulenza di Angelo Iezzi,  è sviluppato sull’ idea di sviluppare una pizza di alta qualità su misura sulla base delle esigenze della clientela.  Il progetto, sostenuto da Agostino Di Filippo e Roberto Perego e chiamato “Marinella” per evocare l’italianità, il mare  e la natura, propone un pizza su misura per la dimensione predefinita del trancio, per la suddivisione della pizza in cinque tipologie e per la  trasparenza del prezzo di acquisto.  Il menù, prevede Le Semplici, la pizza bianca e rossa, Le Leggere con poca o senza mozzarella come la marinara, la patate e rosmarino, la rossa con i funghi e i *crostini alle verdure.  Non mancano Le Classiche  come la margherita, il crostino al prosciutto o le  melanzane marinate, le ripiene con mortadella o verdure di  stagione e Le Gustose ispirate alle ricette regionali. Il prodotto è servito in  tranci della  dimensione di 10X15 cm su teglie in legno  che  consentono il taglio ‘su misura’ grazie ad  apposite scanalature.

L’impasto di Marinella è invece  fatto da farina di tipo “00” di grani teneri “Italiani ed Europei di  forza”, soia, semola rimacinata di grano duro e pasta acida. Il locale è uno spazio con tavoli e sgabelli, per un totale di dodici posti a sedere e servizi compresivi anche di cambio baby. Per la sera  è presente una  proposta take away:  la  Twosome,  mezza teglia corrispondente a otto tranci di pizza per due  persone e la Family box, teglia intera pari a  sedici tranci di  pizza per quattro persone.

                                                                                                                                Gianluca Pacella

in data:09/07/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo