Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » "Napoli 1820", un'altra esperienza di gusto sbarca a Milano

L'indirizzo

"Napoli 1820", un'altra esperienza di gusto sbarca a Milano

La pizzeria-ristorante dello chef Rosario Izzo apre in Alzaia Naviglio Grande. A un prezzo medio da 17 a 27 euro propone un prodotto realizzato unicamente con prodotti freschi e di stagione, quotidianamente in arrivo dal capoluogo campano

Roma- Gli elementi ci sono tutti: tradizione e cultura partenopea. L’obiettivo è molto ambizioso: essere la migliore pizza mai passata per i ristoranti di Milano. L’esperienza e la capacità di unire alla storica “semplicità“ del piatto napoletano la raffinatezza di piatti che entrano con dirompenza nella cucina contemporanea dovrebbero invece garantire il risultato. “Napoli 1820. Pizza e cucina d’autore” apre nel cuore della movida meneghina e precisamente in Alzaia Naviglio Grande, 62.

Con la promessa di far degustare una pizza mai mangiata fino ad ora e nemmeno immaginata nel capoluogo lombardo, il ristorante-pizzeria guidato dallo chef Rosario Izzo proporrà, con un prezzo medio da 17 a 27 euro, un prodotto realizzato unicamente con prodotti freschi e di stagione, quotidianamente in arrivo da Napoli. Insomma l’idea di base è quella di proporre al pubblico milanese, non certo inesperto in fatto di ristorazione, un’altra esperienza di gusto.

Per questo “Napoli 1820” non sarà solo pizza: il menù proporrà ziti e scarpariello, mozzarelle di bufala e frittura o Panariello, per concludere con i dolci tipici della tradizione partenopea, pastiera, struffoli o babbà. In pratica tutto all'insegna dell' eccellenza preparata con ingredienti originali e  materie prime di assoluta qualità che caratterizzano la migliore tradizione mediterranea. Il risultato sarà quello di una rivisitazione dei piatti della cucina partenopea grazie all’estro creativo del suo maestro d’alta cucina. In definitiva non resta che provare per credere

in data:04/10/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo