Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Agromafie, il giro d'affari è vicino ai 22 miliardi. Coinvolti oltre cinquemila ristoranti

Agronews

Agromafie, il giro d'affari è vicino ai 22 miliardi. Coinvolti oltre cinquemila ristoranti

Nell'ultimo anno l'illecito nel settore è cresciuto del 30% secondo il rapporto Agromafie 2017. Il fenomeno interessa l’intera filiera del cibo, la produzione, il trasporto, la distribuzione e la vendita.

Roma- Cresce del 30 per cento nell’ultimo anno il giro d’affari complessivo dell’agromafia. Conti alla mano l’illecito è pari a 21,8 miliardi. Il dato emerge dal quinto Rapporto #Agromafie2017 elaborato da Coldiretti, Eurispes e Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare. L’analisi dimostra che il fenomeno interessa l’intera filiera del cibo, la produzione,  il trasporto,  la distribuzione e la vendita. Le mafie, dopo aver ceduto in appalto ai manovali l’onere di organizzare e gestire il caporalato e altre numerose forme di sfruttamento, condizionerebbero- si spiega in una il mercato stabilendo i prezzi dei raccolti, gestendo i trasporti e lo smistamento, il controllo di intere catene di supermercati, l’esportazione del nostro vero o falso Made in Italy, la creazione all’estero di centrali di produzione dell’Italian sounding e la creazione ex novo di reti di smercio al minuto.

Tra tutti i settori “agromafiosi” – continua la Coldiretti -, quello della ristorazione è forse il comparto più tradizionale e immediatamente percepito come tipico del fenomeno. In alcuni casi sono le stesse mafie a possedere addirittura franchising e dunque catene di ristoranti in varie città d’Italia e anche all’estero, forti dei capitali assicurati dai traffici illeciti collaterali. Il business dei profitti criminali reinvestiti nella ristorazione coinvolgerebbe oltre 5.000 locali, con una più capillare presenza a Roma, Milano e nelle grandi città.

Allo stesso tempo la graduatoria delle province italiane rispetto all’estensione e all’intensità del fenomeno agromafia nel 2016  fotografa una concentrazione del fenomeno soprattutto nel Mezzogiorno ma evidenzia la presenza nella top ten di rilevanti realtà del Nord come Genova e Verona rispettivamente al secondo ed al terzo posto dopo Reggio Calabria per i traffici finalizzati al ricco business del falso Made in Italy.

in data:14/03/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    La Top ten delle etichette più belle d'Italia: ORNELLAIA 2011 (ORNELLAIA)

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”