Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » All’estero 100 mld di falso Made in italy con simboli, colori e nomi che sfruttano italianità

Agronews

All’estero 100 mld di falso Made in italy con simboli, colori e nomi che sfruttano italianità

A rilevarlo è un'indagine Coldiretti in occasione della Giornata nazionale della Bandiera con la celebrazione del 222/o anniversario della nascita del Primo Tricolore

Roma- E’ di oltre 100 miliardi di euro il fatturato dell’’“agropirateria” internazionale che utilizza impropriamente bandiera, parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano all’Italia per prodotti taroccati che non hanno nulla a che fare con la realtà nazionale.

A segnalarlo è Coldiretti in occasione della Giornata nazionale della Bandiera con la celebrazione del 222/o anniversario della nascita del Primo Tricolore, sulla base dei dati dell’Osservatorio lmmagino che ha rilevato le caratteristiche del packaging di 67855 prodotti del mondo del food con anno terminante a giugno 2018. L’organizzazione agricola. Nello studio presentato fa presente inoltre che per fare leva sul patriottismo nei consumi il tricolore sventola sul 14% delle confezioni alimentari ma in ben il 25% dei prodotti sugli scaffali c’è comunque un evidente richiamo all’italianità che spesso viene sfruttata a sproposito.

in data:07/01/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Food delivery, fatturato a 350 milioni di euro nel 2018, + 69%

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo