Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Antipasto all'italiana, superata la sfida con le nuove mode gastronomiche

Food Mania

Antipasto all'italiana, superata la sfida con le nuove mode gastronomiche

È quanto emerge da uno studio promosso dal Polli Cooking Lab condotto su circa 2000 italiani e su oltre 100 fonti fra testate, magazine, portali, blog e community lifestyle internazionali

Roma- Al di là delle mode gastronomiche, della cucina etnica o esotica, l’antipasto all’italiana (salumi, formaggi freschi e stagionati, carciofini, olive, funghi, pomodori, peperoni) resiste, anzi è ormai il leitmotiv di un pranzo a casa o al ristorante: è infatti considerato da sei italiani su 10 (58%) il miglior modo per cominciare un pranzo e da quattro su 10 (42%) per iniziare una cena. Perciò non può mancare quando si mangia tra amici (53%) o con parenti (47%). È quanto emerge da uno studio promosso dal Polli Cooking Lab, l’osservatorio sulle tendenze alimentari dell’azienda toscana Fratelli Polli, condotto con metodologia Woa (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio web su circa 2000 italiani – uomini e donne tra i 20 e i 65 anni – su oltre 100 fonti fra testate, magazine, portali, blog e community lifestyle internazionali e raccogliendo il parere di un pool di 30 esperti fra nutrizionisti, chef e antropologi dell’alimentazione per capire il valore dell’antipasto all’italiana all’estero.

In particolare il 53% degli gli italiani lo preferisce abbondante (53%) e chi vuole sia piuttosto una degustazione gourmet (37%). A ristorante un italiano su 2 lo sceglie per la velocità con cui viene servito (54%) o anche soltanto per ingannare piacevolmente l’attesa del primo piatto (46%). Rispetto al suo significato, la maggior parte degli italiani lo considera un segno di condivisione (76%) – frequentemente sono gli stessi commensali a suddividere un antipasto in porzioni eque –, anche se c’è chi lo sceglie in monoporzione (34%). Il suo arrivo è percepito con piacere perché porta in tavola i profumi e i sapori tipici di un territorio (63%) o con gioia per la sua capacità di evocare cari ricordi di infanzia (37%), quando la famiglia si riuniva insieme alla domenica e l’antipasto era il momento più goloso, preparato dalla nonna con i prodotti dell’orto. Perché lo ordinano gli italiani? Due su 3 per la varietà di prodotti della tradizione gastronomica locale che porta in tavola (68%) e uno su 3 per la ricercatezza degli ingredienti di cui è costituito (32%). A livello internazionale piace sempre di più ed è apprezzato da numerose celebrities, da Robert De Niro a Kate Middleton

in data:10/07/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo