Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Libri da Gustare » Atlante Qualivita 2011

Libri da Gustare

Atlante Qualivita 2011

Cresce il paniere dell’eccellenza agroalimentare italiana. Fra l’ultima pubblicazione dell’Atlante Qualivita di aprile 2010 e la nuova edizione di maggio 2011, sono stati registrati per l’Italia ben 22 nuovi prodotti Dop, Igp, Stg, un numero davvero interessante, che dimostra l’impegno del nostro Paese nella politica della qualità. Solo nei primi cinque mesi del 2011 l’Italia ha avuto 8 nuove registrazioni a fronte della Francia e della Spagna, che hanno aumentato il loro registro di qualità rispettivamente solo di una e due unità.

Un settore in costante evoluzione, quello delle Indicazioni Geografiche italiane, che esige di essere fotografato di anno in anno per rendere conto dei numerosi cambiamenti che lo riguardano, dalle nuove registrazioni alle modifiche ai disciplinari, fino all’aggiornamento dei contatti delle associazioni di settore coinvolte nei processi di certificazione.
Dei 227 prodotti italiani, 142 sono Dop, 83 Igp e 2 Stg. Dei 22 nuovi prodotti (14 Dop, 8 Igp) 15 appartengono alla categoria Ortofrutticoli, 2 ad Altri prodotti di origine animale e 5 a Formaggi.

La quinta edizione dell’ Atlante Qualivita, realizzata dalla Fondazione Qualivita in collaborazione con AICIG e con il patrocinio del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, è completamente rinnovata sia nella grafica che nei contenuti, arricchita con annotazioni storiche relative ai 150 anni dall’unità d’Italia. “Racconta” i 227 prodotti italiani Dop, Igp, Stg, attraverso schede prodotto contenenti foto e informazioni storiche, caratteristiche del prodotto, metodo di produzione, dati legislativi aggiornati, curiosità.

Sono 21 le modifiche ai disciplinari riportate nell’Atlante Qualivita 2011, richieste dai Consorzi per correggere e allineare i disciplinari alla realtà delle produzioni. Il Valle d’Aosta Lard d’Arnad DOP, ad esempio, ha richiesto e ottenuto una modifica che tenesse conto del bilinguismo presente nel territorio di produzione. Altri prodotti hanno modificato i loro disciplinari in merito alla descrizione del prodotto, alle zone geografiche, alla prova d’origine, al metodo di ottenimento. In alcuni casi le variazioni sono state relative al legame storico tradizionale consentendo di eliminare determinate restrizioni quando non sussistevano più le condizioni o non incidevano più sulla qualità del prodotto finito. È il caso del Limone di Sorrento IGP, che ha modificato il proprio disciplinare per svincolarsi dall’uso esclusivo dei pali di legno di castagno per le impalcature previste per la produzione.
Numerose le curiosità, legate ai 22 nuovi prodotti registrati, che compaiono nella nuova edizione del volume. Per citarne alcune, l’Arancia di Ribera DOP è la sola arancia italiana ad aver ottenuto la Denominazione di Origine Protetta, mentre il Piacentinu Ennese DOP, un formaggio aromatizzato con pepe in grani e zafferano, è stato registrato con il numero 1000 nel Registro europeo, suscitando un interesse internazionale. Non tutti sanno, inoltre, che la Vastedda della Valle del Belìce DOP è uno dei pochissimi formaggi ovini a pasta filata nel mondo. Filare il latte di pecora infatti è molto difficile e richiede una particolare manualità, cura e delicatezza. Molto particolare anche la Pesca di Leonforte IGP, frutto settembrino e tardivo, ha un metodo di coltivazione del tutto particolare; la pesca ancora sull’albero viene avvolta in sacchetti di carta pergamena per evitare l’attacco di insetti.

in data:24/05/2011

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno