Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Banchina 63, la risposta italiana al sushi e sashimi

L'indirizzo

Banchina 63, la risposta italiana al sushi e sashimi

Il fish & cocktail bar aperto a Roma propone un modo tutto nuovo di gustare del pesce freschissimo. Nel menu un grande viaggio gastronomico che declina le sfumature di blu: dai crudi al banco

Roma- E’ la risposta italiana al dilagare di sushi e sashimi. A dare vita al movimento italiano in difesa del made in Italy sono due amici d’infanzia Valentino Marchesani e Patrich Giannetti che hanno aperto a Roma, nel borghese quartiere di Prati Banchina 63 (Via Emilio Faà Di Bruno 63), fish & cocktail bar che propone un modo tutto nuovo di gustare del pesce freschissimo. Nel menu un grande viaggio gastronomico che declina le sfumature di blu: dai crudi al banco come il “Rosso di Mazara”, gli “Scampi”, il “Gran Plateau Banchina 63” e le ricette personalizzate.

Tra i primi il più richiesto è “Burro e Alici”, uno spaghettone con beurre della Normandia e Alici del Cantabrico che esce con dei taralli home made tostati e salati, e anche il “Pacchero B63”, a base di spatola, pomodorini confit e timo fresco.  Nella lista dei secondi piatti si possono invece trovare grandi classici come il polpo di scoglio arrostito in padella con crema di legumi piccante e granita di sedano o il sandwich di alici ripieno di scarola, patate e olive al forno con caramello all’arancia e spuma di finocchi.  Non mancano i panini di mare, una sorta di fish burger buns all’americana. In carta, poi, carpacci e tartare come la “ceviche di pescato” o il Tris di Tartare, le insalate di mare ed esempi di fritti come lo stecco di baccalà e i calamari salvia e buccia di limone. E possibile ordinare anche le ostriche.

Il locale, con una disponibilità di 50 coperti, si presenta caratterizzato da un design contemporaneo con tavolini in legno e mattoncini a vista laccati bianco. Presto sarà attrezzato anche uno spazio esterno per soddisfare le esigenze del cliente.

in data:18/04/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo