Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Brylla, la mescita è d'obbligo

L'indirizzo

Brylla, la mescita è d'obbligo

Nell'aristocratico e borghese quartiere Trieste della Capitale apre un wine bar che propone duecento etichette rappresentanti le zone vinicole più importanti del mondo e produzioni più piccole di altissimo livello

Roma-  Il cliente di turno potrebbe anche imbarazzarsi di fronte a tanta possibilità di scelta, ma  la cosa certa è che qualsiasi richiesta di ordine  faccia  la qualità è assicurata dalle selezionatissime duecento etichette di vino che propone Brylla, locale aperto nell’aristocratico e borghese quartiere Trieste della Capitale (Via Chiana 77).  E anche il divertimento appare più che garantito per tutti i  winelovers ma anche per qualsiasi persona alle prime armi con il vino  dato che si può scegliere in base al proprio umore:  la carta consente infatti di preferire  un vino Scacciapensieri, ideale per rilassarsi e liberare la mente, un Comfort Wine,  soluzione perfetta per una situazione familiare e rilassante oppure un Riflessivo, un vino complesso e intrigante da bere quando ci si vuol cimentare in un’esperienza più impegnativa e affascinante. Insomma provare per credere anche perché oltre a bere un buon bicchiere di vino alla mescita ci si potrà coccolare con una proposta gastronomica che spazia dai salumi, ai formaggi  per arrivare ai sottolio, ai patè e alle conserve provenienti da note aziende italiane, spagnole e portoghesi.

Ma andiamo per ordine e cerchiamo di ricapitolare questo “paradiso del vino”  nato da un’idea di Marcella Capaldo, grande amante dei vini, cresciuta fin dall’infanzia tra vigneti ed enoteche e la Laurenzi Consulting, società esperta nell’ideazione di format per la ristorazione. Il locale, che prende il nome di Brylla  per l’ebrezza e la brillantezza della stella Sirio (astro che fin dai tempi antichi indica il periodo di inizio della vendemmia) permette di conoscere e apprezzare le zone vinicole più importanti del mondo e produzioni più piccole di altissimo livello.  Ecco quindi che nella carte del vino possiamo trovare grandi rossi di Bourdeaux,  l’ Amarone della Valpolicella, il  Brunello di Montalcino, il Fiano d’Avellino o il  Greco di Tufo, tanto per fare solo qualche esempio. La proposta della somministrazione è quella della forma di assaggio, calice, mezza bottiglia o bottiglia.

Dal punto di vista strettamente gourmet Brylla punta invece sulle potenzialità di due ambienti diversi nella accoglienza, il primo è una sala centrale situata all’ingresso che basa la sua forza sulla spensieratezza e convivialità  ed è caratterizzata da due banconi simmetrici, lunghi 4.5 metri che idealmente diventano quasi un tavolo sociale dove poter godere delle bontà alimentari, il secondo, più intimo e contraddistinto dal colore blu notte che evoca il cielo stellato, permette di bere il proprio calice di vino in tranquillità abbinandolo  a pietanze cucinate con il Josper, forno a brace di origine spagnola ideale per cotture veloci come ad esempio la Pluma di maiale iberico con insalatina radicchio, valeriana e cachi  il Galletto Spatchcock con macco di fave e cicoria o il Baccalà con crema di broccoli e pomodorini confit e a piatti preparati a fuoco lento quali la  Guancia di Manzo alle nocciole con sedano rapa fondente  o la  Punta di petto di Vitella con schiacciata di patate e Filetto alla Rossini, il tutto  secondo la disponibilità del mercato e delle stagioni. Infine per i  veri intenditori è prevista  una scelta professionale con la possibilità di acquistare la propria bottiglia scendendo al piano inferiore dove è allestita una cantina di circa 40 mq.

Gianluca Pacella

in data:26/10/2016

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion